BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

Moschea Hamza di Finsbury Park/ Chiusa per Islam radicale nel 2003: ecco l'obiettivo dell'attacco di Londra

Nel 2003 la moschea di Londra dove ieri sera un attentatore ha cercato di ucciderne i fedeli fu chiusa perché centro di diffusione del terrorismo islamico

Foto LaPresseFoto LaPresse

La moschea i cui fedeli sono stati vittime dell'attentato terroristico di ieri sera a Londra, da parte di un cittadino inglese, è una moschea che ha una storia particolare. Come si sa, l'attentatore ce l'aveva proprio con i musulmani, contro cui si è scagliato con una vettura proprio come fanno i terroristi jihadisti, gridando frasi contro di loro. Ma non molti sanno che quella moschea era il cuore dell'estremismo religioso radicale e infatti nel 2003 venne fatta chiudere dalle autorità londinesi e riaperta due anni dopo. L'imam della moschea Hamza era Abu Hamza al-Masri, noto per l'uncino che portava al braccio destro per la mano persa chissà come, ma soprattutto come predicatore di odio contro l'occidente. L'uomo è stato estradato negli Stati Uniti dove sta scontando una pena all'ergastolo dopo una lunga battaglia legale, accusato di aver fornito aiuto a miliziani yemeniti che avevano rapito turisti occidentali e soprattutto per i suoi sermoni inneggianti alla jihad. Parte delle accuse e delle prove contro di lui sono state fornite da Wikileaks, i cui documenti diffusi provavano che la moschea era il nascondiglio sicuro per molti terroristi.

Non era ancora ill tempo dell'Isis, ma c'era al Qaeda a cui l'imam e molti dei fedeli erano legati, con sermoni che invitavano ad attaccare Israele, gli Stati Uniti e l'Europa, manifesti che celebravano l'attacco dell'11 settembre e sostegno ai terroristi. Da qui uscirono autentici terroristi, come Richard Reid che nel 2001 era salito su un volo aereo con dell'esplosivo nascosto in una scarpa e Zacaris Moussai, considerato uno del gruppo dell'11 settembre ed arrestato prima dell'attentato. Non solo: nella moschea si insegnava a usare fucili e pistole. E dire che era stata inaugurata alla presenza del principe Carlo, nel 1994. La moschea sorge in quella parte di Londra chiamata Londonistan per l'altissima presenza di islamici e in questo quartiere furono eseguiti degli arresti collegati agli attentati del 2005. Proprio vicino alla moschea sorge lo stadio della squadra di calcio dell'Arsenal. 

Adesso, secondo la stampa inglese, la moschea risulta del tutto ripulita da ogni estremista, grazie all'impegno in prima persona dell'Associazione musulmani britannici. Ma resterà sempre nella memoria come la sede del terrorismo islamico a Londra.

© Riproduzione Riservata.