BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CHIESA DISTRUTTA PER UNA MINIERA DI CARBONE/ Video, si oppone solo Greenpeace: le ruspe non hanno pietà

Una storica chiesa tedesca risalente alal fine del XIX secolo è stata rasa al suolo nonostante le proteste dei cittadini per allargare una miniera di carbone, ecco le immagini

La chiesa distrutta in Germania, foto GreenpeaceLa chiesa distrutta in Germania, foto Greenpeace

Immagini scioccanti quelle che hanno fatto il giro del web, di brutalità enorme e che, sebbene l'edifico non fosse più usato da tempo per le funzioni religiose, fanno chiedere che differenza ci sia tra la Germania e la Cina, dove le chiese vengono abitualmente rase al suolo. Una differenza in realtà c'è: in Germania si fa per motivi economici, in Cina per quelli ideologici. Il risultato è lo stesso. Nella cittadina di Immerath una spettacolare chiesa dalla struttura così imponente da essere soprannominata cattedrale, dedicata a San Lamberto, risalente al 1891 costruita sul sito di una chiesa addirittura del XIII secolo è stata rasa al suolo con enormi gru che l'hanno cancellata in pochissimo tempo. Considerata simbolo della cittadina e memoria della sua antica storia, è stata distrutta per far posto a una nuova miniera di carbone, secondo i piani economici del governo Merkel che mira a eliminare per il 2020 del 40% le emissioni di CO", cosa che evidentemente  è una menzogna se si continuano ad aprire miniere di carbone.

Nessuna pietà da parte del colosso tedesco energetico RWE che con le società controllate distribuisce elettricità a 120 milioni di clienti in Europa e Nord America che in questo modo potrà allargare la miniera già esistente di lignite a cielo aperto (altamente inquinante peraltro). La Merkel mira anche a ridurre l'energia nucleare che nel 2016 è scesa dal 17,6% al 13,1%, ma se non si aumenta l'uso di energie rinnovabili si è costretti a tornare a inquinanti come il carbone. Solo Greenpeace ha cercato di opporsi al fatto, cercando di bloccare inutilmente la distruzione, con uno striscione che diceva: "Chi distrugge la cultura distrugge esseri umani".

© Riproduzione Riservata.