BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Speciali

Tutti gli speciali del canale Esteri

LogoTitoloDescrizione
 Elezioni Usa 2016

Elezioni Usa 2016

Elezioni Usa 2016. L’8 novembre gli Stati Uniti eleggono il nuovo Presidente. I candidati in corsa sono la Democratica Hillary Clinton e il Repubblicano Donald Trump, che sono usciti vincitori dal percorso piuttosto lungo delle primarie. La campagna elettorale è stata contraddistinta da colpi bassi tra i contendenti e non bisogna dimenticare che ci sono anche alcuni candidati indipendenti: il repubblicano libertario Gary Johnson, la verde Jill Stein e il mormone pro life Evan McMullin.

 Francia, attentati a Parigi e Bataclan. 13 novembre 2015

Francia, attentati a Parigi e Bataclan. 13 novembre 2015

La sera di venerdì 13 novembre 2015 in diverse zone di Parigi, dallo Stade de France al teatro Bataclan, oltre che in alcuni ristoranti, tre squadre di terroristi entrano in azione sparando e facendosi saltare in aria. Le vittime sono più di 120 e tantissimi sono anche i feriti. Tra i caduti anche l’italiana Valeria Solesin. Dietro gli attentanti c’è la mano dell’Isis e il mondo occidentale, dall’Europa agli Usa, si prepara a reagire.

 Ucraina: proteste e rivolta anti-Russia. Nodo Crimea news e approfondimenti

Ucraina: proteste e rivolta anti-Russia. Nodo Crimea news e approfondimenti

A metà novembre 2013 cominciano le proteste e la rivolta in Ucraina dopo che il presidente filorusso Yanukovitch, al termine di un lungo negoziato, rigetta un accordo con l'Ue optando per un legame più stretto con la Russia di Putin. La piazza Maidan, a Kiev, diviene l'epicentro di una protesta che coinvolge ampi strati della popolazione. Il 18 febbraio la situazione peggiora, Yanukovitch usa la forza per sgombrare la piazza, si contano 77 vittime. Il presidente firma un accordo che prevede nuove elezioni, il 21 febbraio fugge a Mosca. Il parlamento forma un governo provvisorio, viene liberata Yulia Timoshenko. Il presidente russo Putin fa invadere la Crimea, provincia autonoma dell'Ucraina a maggioranza russa.

 SIRIA: GUERRA CIVILE

SIRIA: GUERRA CIVILE

Oltre centomila morti, un milione di bambini profughi: questo il bilancio ad agosto 2013 della guerra civile in corso in Libia. Le prime manifestazioni che hanno dato origine al conflitto interno al Paese si sono svolte il 15 marzo 201 nell'ambito della cosiddetta "Primavera araba". Le proteste si sono via via trasformate in scontri sempre più accesi fino a trasformarsi in una vera e propria guerra civile che vede contrapposte le forze d'opposizione, riunite nella Coalizione nazionale siriana, e il regime guidato dal presidente Bashar al-Assad. La Croce Rossa Internazionale il 15 luglio 2012 ha dichiarato la crisi siriana "conflitto armato non internazionale". L'escalation del conflitto, che a livello diplomatico coinvolge paesi "amici" del regime, quali Russia e Cina, e dei "ribelli", quali Usa e Gran Bretagna, ha raggiunto punte elevate a fine agosto 2013 quando si è verificato un grave episodio di atttacco con gas nervino che ha causato la morte di centinaia di persone tra cui moltissimi donne e bambini. L?onu ha mandato i suoi ispettori, mentre monta la concreta possibilità di un intervento armato internazionale.

 RIVOLUZIONE IN EGITTO

RIVOLUZIONE IN EGITTO

Un anno: tanto è durato il mandato presidenziale di Mohamed Morsi, il candidato dei Fratelli Musulmani che il 24 giugno 2012 è risultato vincitore delle prime elezioni dirette indette in Egitto dopo la cacciata di Mubarak. Nei giorni in cui si doveva festeggiare il primo anniversario della sua elezione milioni di egiziani si sono riversati in piazza Tahrir per chiederne con forza le dimissioni. Dalla loro parte, l'esercito, che il 3 luglio 2013, dopo un ultimatum respinto da Morsi, hanno dichiarato dimesso il presidente, che è stato messo agli arresti domiciliari, e sospesa la Costituzione. La contestazione del presidente è stata trasversale: in piazza son scesi giovani e vecchi, cristiani copti e donne con il niqab - il velo integrale -, politici e poliziotti. Ma a Il Cairo e ad Alessandria, ci sono anche manifestazioni di sostenitori di Morsi. Una situazione in continua evoluzione.

 ELEZIONI USA 2012 - OBAMA II

ELEZIONI USA 2012 - OBAMA II

Barack Obama è stato riconfermato presidente degli Stati Uniti d'America. Una campagna elettorale non priva di aspri contrasti, il cui risultato, ancora il giorno delle votazioni, appariva incerto. Poi, nella notte, il risultato pro Obama. Quali scenari si presentano ora? Quali ripercussioni nello scacchiere internazionale e sull'economia statunitense e mondiale? In questo speciale, le previsioni, i punti di consenso e di scontro tra repubblicani e democratici, i commenti a caldo e gli approfondimenti degli analisti italiani e stranieri in esclusiva per ilsussidiario.net.

 DIARIO DAGLI USA

DIARIO DAGLI USA

Martedì 6 novembre 2012: in Usa è Election Day. A contendersi la possibilità di sedersi nello Studio Ovale della Casa Bianca e a guidare per quattro anni il più importante Stato del mondo sono Barack Obama e Mitt Romney. Barack Obama, democratico, primo presidente afroamericano degli Stati Uniti d'America, punta alla riconferma. Lo sfidante repubblicano Mitt Romney, mormone, è un uomo d'affari ed ex governatore del Massachusetts.

 Turchia-Siria: venti di guerra

Turchia-Siria: venti di guerra

Sale la tensione tra Turchia e Siria. Un colpo di mortaio sparato dalla Siria su Akcakar, villaggio nella provincia sudorientale di Sanliurfa che ospita la maggior parte dei profughi siriani, ha causato la morte di cinque persone e il ferimento di almeno altre 13. Per tutta risposta, la Turchia ha colpito alcuni obiettivi in Siria. Le ripercussioni degli scontri sono state immediate, a livello militare, politico e diplomatico. La Turchia ha chiesto e ottenuto una riunione urgente della Nato. Al termine dell'incontro è stata diramata una nota in cui si legge che i colpi di mortaio sparati dalla Siria «costituiscono una causa di grande preoccupazione e sono fortemente condannati da tutti gli alleati. Nello spirito della indivisibilità della sicurezza e della solidarietà che deriva dal trattato di Washington, l'Alleanza sta al fianco della Turchia, chiede l'immediata cessazione di questi atti così aggressivi contro un alleato e urge il regime siriano a cessare queste flagranti violazioni della legge internazionale». Il conflitto siriano ha spinto migliaia di persone a fuggire dalle proprie case e a trovare rifugio oltre confine: secondo dati ufficiali di Ankara, in Turchia alla fine di settembre 2012 vivevano in tutto 93.576 profughi siriani, 30.665 dei quali si trovano nei campi di Sanliurfa; altri sono ospitati anche in strutture nelle province di Hatay, Gaziantep e Kilis.

 Islam: attacchi all'Occidente

Islam: attacchi all'Occidente

Nel giro della preghiera, scoppia la rabbia dei musulmani contro gli Usa. Dopo l'attacco, alla sera di mercoledì 11 settembre al consolato di Bengasi, in Libia, in cui ha trovato la morte l'ambasciatore statunitense, per protestare contro il film "Innocence of Muslim" prodotto negli Stati Uniti e di cui girano in rete solo dei traler. Ma questi sono bastati per far scattare la protesta degli islamici più radicali che nel giro di 24 ore ha avuto un'escalation a livello internazionale. In molti Paesi con una maggioranza o una forte presenza islamica si sono avute proteste violente anche nei confronti delle rappresentative diplomatiche europee. E proprio mentre Benedetto XVI arrivava a Beirut per iniziare una storica visita apostolica, nel nord del Libano, a Tripoli, nell'assalto ad un fast food americano si è avuta un morto e numerosi feriti. Allarmi anche negli Stati Uniti per il sospetto di attentati in alcuni campus universitari. Nello speciale, l'analisi della situazione, le ripercussioni in Medio Oriente e in Europa, i riflessi sull'ecumenismo e sul rapporto tra mondo islamico e Occidente.

 India: il caso dei marò

India: il caso dei marò

I due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono stati arrestati in India il 19 febbraio scorso con l’accusa di aver ucciso due pescatori dopo averli scambiati per pirati e rinchiusi nel carcere di Poojappura. Il governo italiano ha ripetutamente chiesto un trattamento adeguato al loro status di soldati e, quindi, una detenzione in un luogo diverso dal carcere e in zone separate dai delinquenti comuni. Ma l’India ha risposto subito negativamente: la vicenda internazionale assume i connotati di una battaglia più ampia, che vede l’India contrapporsi all’Occidente. IlSussidiario.net segue la vicenda dei due marò attraverso aggiornamenti in tempo reale, notizie, interviste ad esperti.

 Incidente sito nucleare di Marcoule in Francia

Incidente sito nucleare di Marcoule in Francia

Una fornace del sito dove avviene il trattamento delle scorie nucleari a Marcoule (Gard), in Francia, è esplosa alle 11,45 di lunedì 12 settembre. Nel giro di poco tempo è già noto il bilancio di un morto e quattro feriti. L'impianto di Marcoule dove è avvenuto l’incidente viene usato dalla Areva per produrre un combustibile che ricicla plutonio dalle armi nucleari. L’esplosione è avvenuta in un luogo non molto distante dall’Italia, in particolare dalla Liguria e Piemonte, perché la regione del Gard si trova nella Francia del Sud, vicina ad Avignone e Nimes. IlSussidiario.net offre aggiornamenti in tempo reale sull’incidente nucleare in Francia, con pareri di esperti in grado di valutare il rischio radioattivo e le precauzioni in caso di emergenza.

 Osama Bin Laden morto

Osama Bin Laden morto

Osama Bin Laden è stato ucciso. Ne ha dato annuncio il presidente Obama alle 23 circa (le 5 in Italia) del primo maggio 2011. «Giustizia è fatta», ha dichiarato solennemente, provocando negli americani un’immediata e comprensibile euforia. I cittadini, le cui ferite dell’11/9 bruciano ancora, si sono riversati nelle strade, affollando Ground Zero. Poco meno di 10 anni fa vi sorgevano le Torri Gemelle, distrutte nel più grande attentato terroristico mai realizzato. La lotta al terrore non si è certo conclusa. Interrogativi inquietanti restano aperti, e – nell’immediato futuro – si teme un’acuirsi di violenze: attentati, vendette e ritorsioni è quanto l’Occidente deve attendersi. Con l’eliminazione del ricercato numero uno,  tuttavia, si intravede la fine della guerra al terrorismo. E la vittoria. IlSussidiario.net segue le notizie relative a questo evento e offre interviste e approfondimenti per comprendere le conseguenze e i possibili rischi di quanto è accaduto.

 Diario da Israele

Diario da Israele

I fatti d’attualità e le storie di vita quotidiana raccontati dal nostro inviato in Israele: dal difficile matrimonio tra un’israeliana e un palestinese al ragazzo sfrattato dal quartiere ebraico di Gerusalemme perché cristiano. E ancora l’accoglienza entusiasta del libro del Papa da parte delle autorità politiche e civili israeliane. Andrea Avveduto segue per ilSussidiario.net le vicende in Israele.

 Tsunami in Giappone

Tsunami in Giappone

Venerdì 11 marzo un sisma devastante, di 8.9 gradi della scala Richter, ha colpito il Nord-Est del Giappone e uno tsunami di dieci metri ha sommerso la costa di Sendai. Si contano a migliaia i cadaveri rinvenuti lungo la spiaggia, ancora fabbriche incendiate, centrali nucleari a rischio, abitazioni spazzate via, treni sommersi dalle acque del mare. IlSussidiario.net segue costantemente le notizie che arrivano dall’Estremo Oriente e offre contributi di esperti su questo tragico avvenimento.

 Libia, Gheddafi morto

Libia, Gheddafi morto

Dopo la diffusione delle foto e dei video non ci sono più dubbi: Muammar Gheddafi è morto il 20 ottobre 2011. Le rivolte popolari della cosiddetta primavera araba, dopo aver “sconvolto” Tunisia ed Egitto, erano arrivate a febbraio in Libia, un Paese molto vicino all’Italia, e ora le conseguenze della fine del regime di Gheddafi sono difficilmente prevedibili. Proviamo comunque ad analizzare gli scenari possibili.

 Rivolta in Egitto

Rivolta in Egitto

Dopo i moti popolari scoppiati in Tunisia, che hanno portato alla caduta del presidente Ben Alì, ora è il popolo egiziano a scendere in piazza chiedendo le dimissioni del Presidente Mubarak. Una situazione che rischia di avere conseguenze su tutto lo scacchiere mediorientale

 Meeting New York 2011

Meeting New York 2011

Un avvenimento del tutto diverso da ogni altro evento culturale americano si svolge nel cuore degli Stati Uniti dal 14 al 17 gennaio: è il New York Encounter. Quattro giorni di dibattiti, mostre, concerti, rappresentazioni teatrali per costruire nuove amicizie e scoprire la bellezza della vita.

 Meeting al Cairo

Meeting al Cairo

Da Rimini al Cairo: il Meeting arriva fino in Egitto. Dal 28 al 29 ottobre si tengono incontri, mostre e spettacoli con a tema: “La bellezza, lo spazio del dialogo”. Con il sostegno di personalità di spicco egiziane e del ministro della cultura egiziano, in questi giorni cristiani e musulmani si incontrano e costruiscono un dialogo concreto, rapporti reali. Perché così è nato il Meeting al Cairo: episodi semplici, incontri di vita quotidiana, a partire da quello tra il professore egiziano Wael Farouq e alcuni amici del Meeting di Rimini. Piccole storie che hanno dato vita a una grande storia.

 Minatori cileni

Minatori cileni

Dopo 68 giorni nelle viscere della terra, a circa 700 metri di profondità, i 33 minatori cileni sono tornati alla luce del sole e all’affetto dei loro cari. L'operazione di salvataggio, denominata San Lorenzo, è iniziata alle 23:38 locali del 12 ottobre 2010. A mezzanotte il primo minatore, Florencio Avalos, è stato tratto in superficie e la televisione ha immortalato l’abbraccio tra questi e l'esperto minerario Manuel Gonzalez, sceso per primo sul fondo per salvarlo. Immagini di speranza, che hanno fatto il giro del mondo. Ilsussidiario.net ha seguito la vicenda e commenta lo spettacolo di questo popolo

 Settimana Fao

Settimana Fao

Dai dati dell’ultimo rapporto Sofi emerge che oggi sono almeno 925 milioni gli affamati nel mondo. Dall’11 al 16 ottobre si svolge a Roma la settimana della Fao per definire un quadro strategico globale per una risposta coordinata dei vari paesi alla fame. Ilsussidiario.net propone a riguardo storie di esperienze di risposta ai bisogni elementari, in paesi dove il problema della fame è critico: dal Centro di nutrizione a San Paolo, che dà da mangiare a 5.000 bambini delle favelas, al progetto agricolo nel sud di Haiti, dove si impara a coltivare rispettando la natura.

 Benedetto XVI in Gran Bretagna

Benedetto XVI in Gran Bretagna

Il viaggio apostolico di Benedetto XVI in Gran Bretagna (16-19 settembre 2010), prima visita di stato di un Pontefice nel Regno Unito. Dall'incontro con la Regina nel Palazzo reale di Edimburgo a quello nella Westminster Hall con i maggiori esponenti della società britannica, alla beatificazione di John Henry Newman

 Crisi Grecia

Crisi Grecia

La situazione della Grecia tiene col fiato sospeso tutta l’Europa. Il problema del debito di Atene rischia infatti di contagiare altri paesi europei e di mettere in pericolo la tenuta della moneta unica del continente. Anche perché i vari tentativi di salvataggio si sono finora rivelati scarsamente efficaci. Economisti, esperti e giornalisti discutono di questo importante tema per i lettori de ilsussidiario.net