BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FACEBOOK/ Allarme virus sul social network. Pirati rubano identità altrui

Pubblicazione:

bimbopirataR375_15dic08.jpg

La popolarità ha i pro e i contro. Pro: Facebook è il social network del momento, vanta 160 milioni di iscritti in tutto il mondo, di cui ben 4 milioni solo in Italia. Contro: nel social network entrano quotidianamente pirati del web che scelgono di frequentarla per spargere virus e adescare vittime. Così anchevFacebook è finito nel racket dei truffatori informatici: in questi giorni circola un virus, W32.Koobface.A che, se scaricato, risucchia l'identità dell'ignaro utente, si impadronisce della password e del profilo personale della vittima, quindi clona codici, carte di credito e dati sensibili.

 

Per difendersi – Per evitare problemi agli utenti, lo staff di Facebook ha aprto la pagina www.facebook.com/security per informare sulle minacce in circolazione. In ogni caso, la regola fondamentale per evitare brutte sorprese è di essere attivi il meno possibile, evitando di aderire a gruppi “sospetti” e evitando di fornire dati personali o numeri di cellulari e carte di credito.

 

Le minacce – Tra le più frequenti le cartoline esca: se un amico spedisce un messaggio o pubblica link che rimanda a una cartolina digitale, meglio evitare di aprirla. Si tratta in particolare di cartoline che propongono offerte vacanze, di lavoro e quelle per guadagnare denaro.

Finte catene del tipo: siamo troppi, si chiude. In genere queswte info che preannunciano la chiusura dell'account non sono inviate dallo staff di Facebook, ma da pirati del web.

Il video infetto: è l'inganno messo in atto da Koobface, accompagnato dalla scritta “guarda come stai bene in questo video”. Seguendo il link il video non si apre e l'utente è invitato a scaricare un aggiornameto: in realtà è un virus che si impadronisce del profilo e cerca dati sensibili presenti sul pc come numeri di telefono e carte di credito.

Sos denaro: attenzione alle persone, anche nell'elenco degli amici, che dicono di essere bloccati da qualche parte del mondo e chiedono denaro per tornare o risolvere i loro problemi. Se la richiesta arriva da un amico, è srgno che il suo profilo è stato violato.

Le eventuali anomalie nell'ordinaria gestionme della propria pagina di Facebook vanno segnalate al team del social network tramite l'apposita funzione.



© Riproduzione Riservata.