BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE/ Anche il Papa apre il suo canale. Scopriamo com’è

Pubblicazione:

YouTube_VaticanoR375_24gen09.jpg

Da ieri il Vaticano ha lanciato un proprio canale su YouTube che offre notizie delle principali attività di Benedetto XVI e degli avvenimenti più rilevanti. I videoclip, l'ultimo è il suo messaggio per la pace in Medio Oriente, sono in inglese, spagnolo, tedesco e italiano.

 

Le tecnologie digitali sono «un vero dono per l’umanità, ma sarebbe un grave danno se non fossero accessibili a tutti» ha detto Benedetto XVI in occasione della Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali. «Le nuove tecnologie - ha aggiunto il Papa - devono però evitare la condivisione di parole e immagini degradanti per l’essere umano, escludere ciò che alimenta l’intolleranza, svilisce la bellezza della sessualità, sfrutta i deboli».

 

Dalla homepage del canale, attraverso diversi link si potrà sviluppare l’informazione, si potrà attingere ai testi completi, si potranno avere commenti, in modo da contestualizzare le brevi informazioni delle videonews.

 

«Questo è solo l'inizio», secondo Henrique de Castro, Managing director media solutions di Google, che ha collaborato con il Centro televisivo vaticano per la realizzazione del canale su You Tube. «Il futuro - afferma de Castro - porterà ulteriori ed entusiasmanti sviluppi. Il canale del web rappresenta una perfetta combinazione tra continuità e innovazione e soprattutto contribuisce a tenere insieme la Chiesa cattolica sparsa in tutto il mondo».


Le videonews saranno di durata non superiore a 2 minuti e verranno prodotte ogni giorno in base all’attualità vaticana, con le immagini del Centro televisivo vaticano in collaborazione con i giornalisti e il web-team della Radio vaticana. Per la traduzione nelle diverse lingue ci sarà una collaborazione con www.h2onews.org, un’agenzia cattolica che diffonde videonews sulla vita della Chiesa e collabora a sua volta con diverse tv e agenzie di informazione cattoliche di tutto il mondo.

 

«A voi giovani che quasi spontaneamente vi trovate in sintonia con questi nuovi mezzi di comunicazione, spetta in particolare - spiega il Pontefice - il compito della evangelizzazione di questo “continente digitale”». Poi una raccomandazione: «Sappiate farvi carico con entusiasmo dell’annuncio del Vangelo ai vostri coetanei. Voi conoscete le loro paure e le loro speranze, i loro entusiasmi e le loro delusioni: il dono più prezioso che a essi potete fare è di condividere con loro, anche attraverso i mezzi digitali, la buona novella di un Dio che s’è fatto uomo, ha patito, è morto ed è risorto per salvare l’umanità».

 

«Molte persone nel mondo desiderano poter sapere, poter conoscere meglio che cosa il Papa pensa, che cosa la Chiesa cattolica propone per i grandi problemi del mondo di oggi. Con il nuovo canale vaticano su You Tube, da quest’oggi sarà più facile - conclude padre Federico Lombardi, portavoce vaticano e responsabile della sala stampa della Santa Sede -. Siamo convinti che dappertutto ci siano persone attente e sensibili, interessate ai messaggi, alle proposte, alle posizioni sui grandi problemi del mondo di un’autorità morale di alto livello come il Papa, e in generale la Chiesa cattolica».


(Marino Petrelli)



© Riproduzione Riservata.