BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

APPLE/ Presentate al MacWorld Expo 2009 le nuove edizioni di iLife e iWork

Pubblicazione:

Apple_SchillerR375_8gen09.jpg

La presenza di Apple al MacWorld Expo San Francisco 2009, già annunciata un po’ in sottotono nel mese scorso, non ha portato novità straordinarie, e lo si poteva dedurre dall’assenza del CEO Steve Jobs. Ma qualche prodotto interessante con la firma della Mela è apparso alla manifestazione organizzata da IDG. Rimane tuttavia la delusione di chi sperava di vedere sul palco del Moscone Center qualche novità della famiglia Mac mini, su cui si concentra l’attenzione del pubblico.
In mancanza di Steve Jobs ha tenuto la scena Phil Schiller, Senior Vice President e Worldwide Product Marketing, che non è stato da meno di Jobs quanto a capacità di intrattenere il pubblico con la sua spigliatezza. La sua presentazione si è incentrata sulle tre principali novità di casa Apple: i due pacchetti software iLife '09 e iWork '09 ed il nuovo sistema desktop replacement MacBook Pro 17. L’evento si chiude con una sorpresa: un cambiamento del modello di business operato su iTunes store.

 

iLife '09 -  Il software presentato al MacWorld 2009 rappresenta la nuova edizione della ben nota suite di Apple dedicata alla produttività personale e al tempo libero. Il pacchetto è composto dagli applicativi iPhoto, iMovie, GarageBand, iWeb e iDVD, sebbene le novità principali di questa edizione siano circoscritte solamente ai primi tre programmi.

iPhoto -  Il programma per l’organizzazione e la catalogazione delle fotografie nella nuova versione ’09 continua sulla scia del suo predecessore, estendendo le possibilità di organizzazione aggiungendo alla modalità “Eventi”, già introdotta con la precedente versione, le due nuove funzioni “Faces” e “Places”. Con “Faces” si possono catalogare le fotografie in base ai soggetti in esse contenuti grazie all'impiego di algoritmi di face-recognition. In questo modo iPhoto compie in maniera automatica una scansione delle foto per poter individuare i volti delle persone. Una volta che viene assegnato un nome ad un volto, iPhoto si occuperà di trovare automaticamente tutte le altre immagini di quella persona e di catalogarle con il tag appropriato. Sarà quindi possibile effettuare ricerche per nome nella libreria di foto oppure sfogliarla con la nuova opzione di visualizzazione Faces View. Una funzione simile offre “Places”, che permette di mantenere organizzate le fotografie in relazione alle locazioni in cui sono state scattate. La catalogazione è basata sui geotag che le recenti fotocamere con GPS sono in grado di inserire all'interno delle foto, così come iPhone. Allo stesso modo, una volta completata la catalogazione delle foto in base ai geotag si potrà esplorarle e sfogliarle con una semplice ricerca oppure tramite una mappa interattiva. Un’attenzione particolare è dedicata alla condivisione sul web. Il nuovo iPhoto permette, infatti, di pubblicare in modo automatico su network come Facebook e Flickr. Le foto pubblicate su Facebook includono i nomi assegnati tramite "Faces" e i tag dei nomi aggiunti in Facebook vengono sincronizzati con iPhoto. Nel software sono compresi slideshow a tema e nuovi layout per gli album stampabili.

 

iMovie -  La nuova versione del software per realizzare film domestici si presenta più flessibile e adattabile alle esigenze di chi si improvvisa regista o chi vuole realizzare con creatività i propri video. Tra le nuove funzionalità, facili da usare e insieme potenti e di effetto garantito, si inserisce Precision Editor che visualizza una sequenza ingrandita per mostrare con accuratezza la fine di un clip e l'inizio del successivo, per eseguire le operazioni di montaggio con elevata precisione. Vengono inoltre estese le funzionalità di drag&drop: trascinando e rilasciando un clip sopra un altro verranno mostrati comandi di sostituzione, inserimento, solo audio, picture-in-picture e chromakey. Altra importante novità è la possibilità di operare separatamente sulle sequenze audio e su quelle video, per utilizzare il sonoro di un clip con le riprese di un altro. Grazie all’introduzione di un algoritmo, consistente in un sistema di stabilizzazione automatizzato, viene compensato l'eventuale tremolio nelle riprese. Tra le altre novità vi sono nuovi titoli, transizioni, effetti cinematografici, cambi di velocità e la possibilità di inserire mappe con itinerari animati.

 

Garage Band - L'editor musicale multitraccia, GarageBand, offre, nella nuova edizione, la modalità "Lessons". Sarà così possibile imparare a suonare chitarra e pianoforte grazie ad una serie di tutorial video. Di alta definizione e accompagnati da un sistema di strumenti animati, notazioni e indicazioni che permettono di allenarsi sulle nozioni basilari di ciascuno strumento. Oltre alle lezioni base disponibili è possibile acquistare direttamente dal programma lezioni tenute da artisti famosi: si potrà quindi imparare da maestri del calibro di John Fogerty, Norah Jones e Sting. Nelle "Artist Lesson" oltre a consigli sulla tecnica e lezioni vere e proprie, si troveranno anche aneddoti relativi all'origine dei brani più famosi di ciascun artista. Molti passi avanti sono stati compiuti nell’interfaccia per i chitarristi, con nuovi effetti e simulazioni di amplificatori per chitarre. I set possono poi essere utilizzati nella modalità GarageBand Jam, che permette di suonare insieme ad una band virtuale, i cui strumenti musicali sono definiti dall'utente.

 

iWeb e iDVD - iLife ’09 include inoltre gli applicativi iWeb ’09 per la creazione di siti web personalizzati e iDVD ’09 per l'authoring di DVD. iWeb ’09 aggiunge nuovi widget, come video e foto di iSight, un timer con conto alla rovescia, video YouTube e feed RSS.
iLife ’09 sarà disponibile dopo la metà del mese di gennaio ad un prezzo di 79,00 €. Il pacchetto di aggiornamento iLife Up-To-Date è disponibile per tutti i clienti che hanno acquistato un nuovo sistema Mac, valido ai fini dell’iniziativa, presso Apple o un rivenditore autorizzato Apple, a partire dal giorno 6 gennaio 2009 compreso, al solo costo delle spese di spedizione e gestione, pari a 8,95 €.
iLife ’09 richiede Mac OS X versione 10.5.6 o successiva, un computer Macintosh con processore Intel, PowerPC G5 o PowerPC G4 a 867MHz o superiore, 512MB di RAM, QuickTime 7.5.5 o successivo, un’unità DVD per l’installazione e 4GB di spazio libero su disco.

 

iWork '09 - Controparte impegnata di iLife '09 è la suite da ufficio iWork. La nuova edizione non introduce nuovi applicativi (restano Keynote per le presentazioni, Pages come editor di testi e Numbers come foglio di calcolo), ma solo nuove funzionalità inserite in ciascun applicativo.

 

Keynote - La novità più interessante dell’edizione ’09 del programma per realizzare slide è rappresentata dalle animazioni e relativi meccanismi per semplificarne l'aggiunta e gli effetti. Degna di nota è la funzionalità "Magic Move", che permette all'utente di definire il punto di partenza e il punto di arrivo di un oggetto, lasciando che sia il programma ad occuparsi della realizzazione dell'animazione di spostamento. Per ogni slide sarà possibile utilizzare questa funzione per qualunque oggetto presente, realizzando così anche animazioni piuttosto complesse.
Nuovi effetti sono stati introdotti per titoli a impatto, da realizzare con pochi click. Altri strumenti sono a disposizione per realizzare grafici tridimensionali e animati. La novità più interessante, tuttavia, risiede nella funzionalità Keynote Remote: un sistema che permette di utilizzare iPhone o iPod touch come controller remoti della presentazione. Grazie alla connessione WiFi sarà possibile collegarsi sul sistema sul quale risiede la presentazione e controllarla a distanza, grazie alla tecnologia touch e alla possibilità di visualizzare direttamente sul dispositivo slide e note correlate. Per usufruire di questa funzionalità sarà comunque necessario acquistare l'applicazione per iPhone o iPod touch, presente su Apple Store al prezzo di 79 centesimi di Euro.

 

Pages. L'editor di testo introduce una serie di piccole funzionalità per semplificare e migliorare il lavoro: ad esempio, la modalità Fullscreen che consente di visualizzare il documento a schermo pieno, nascondendo desktop, icone e quant'altro possa essere di distrazione al lavoro di scrittura, ma tenendo a disposizione tutti gli strumenti necessari alla scrittura, modifica e lettura del documento, grazie alla presenza di comandi pop-up e barre a scomparsa. Tra le nuove funzionalità  spicca "Outline", che permette di stendere un canovaccio strutturato del documento che vogliamo scrivere. Pages introduce inoltre una più avanzata integrazione con le tabelle di Numbers e la rubrica indirizzi, per collegare più facilmente documenti realizzati con i due diversi programmi. La versione appena lanciata di Pages offre poi nuovi modelli e layout per la composizione dei documenti ed un sistema di navigazione che rende più semplice la ricerca e la selezione del modello più adatto alle nostre esigenze.

 

Numbers - Il foglio di calcolo realizzato da Apple, introdotto nella precedente edizione di iWork, viene riproposto con un sistema più avanzato e rapido di gestione delle formule, da inserire con un click o con il drag&drop. Il nuovo Numbers presenta inoltre una funzione denominata "Formula List view" che permette di raccogliere in un solo elenco tutte le formule presenti nel documento, i relativi risultati e le celle in cui sono contenute, in modo tale che sia più agevole verificare la correttezza dei dati. La nuova edizione si arricchisce poi di modelli grafici bidimensionali e della possibilità di combinare diversi tipi di grafico e di realizzare rappresentazioni a due assi con scala differente. Con il nuovo Numbers sarà inoltre possibile realizzare grafici collegati, in modo tale che i grafici in altri documenti di Pages o Keynote possano restare sempre aggiornati qualora vengano modificati, in Numbers, i valori delle tabelle dalle quali i grafici sono stati generati.
Apple annuncia inoltre l'avvio della fase di beta-test pubblico del nuovo servizio iWork.com, che consente di semplificare la condivisione di documenti grazie ad una piattaforma di web-app che permettono la visualizzazione dei documenti su qualunque sistema, Mac o PC che sia, anche non provvisto della suite iWork. Così da poter commentare e condividere un documento su cui lavorano più autori anche nelle versioni PDF e Office.
iWork’09 è disponibile già da oggi ad un prezzo di 79,00 €.
Apple annuncia inoltre la disponibilità, a partire dalla seconda metà del mese di gennaio, del pacchetto Mac Box Set, che include il sistema operativo Mac OS X 10.5.6 "Leopard" e le due suite iLife'09 e iWork'09. Il pacchetto sarà commercializzato ad un prezzo di 169,00 Euro.

 

Mac Book Pro 17 Unibody - Dopo le numerose novità nel campo dei software, arriva anche qualcosa sul versante hardware: si tratta, come già anticipato nei giorni passati, del sistema desktop replacement MacBook Pro 17 costruito con lo chassis Unibody. Il nuovo portatile va pertanto ad affiancarsi ai sistemi MacBook e MacBook Pro Unibody presentati nel corso della metà del mese di ottobre. Le caratteristiche principali, pertanto, sono le medesime dei fratelli minori: chassis ricavato da un unico pezzo d'alluminio, tastiera a tasti sporgenti, presenza della mini displayport e trackpad in vetro completamente clickabile. La principale innovazione consiste nella batteria, non sostituibile, ma con una particolare unità di alimentazione a polimeri di litio, che impiega celle di forma rettangolare rispetto alle celle tradizionali di forma cilindrica le quali permettono di sfruttare meglio lo spazio a disposizione. La batteria è poi caratterizzata dalla presenza della tecnologia Adaptive Charging che consente di regolare in modo automatico e continuativo la corrente di carica della batteria per ottimizzare la vita della batteria stessa. Grazie a queste tecnologie Apple è in grado di garantire, almeno su carta, un'autonomia della batteria fino ad 8 ore e un ciclo di vita superiore a tre volte rispetto a quanto accade con batterie tradizionali.
Le dimensioni di MacBook Pro 17 sono di 2,50 x 39,3 x 26,7 cm, con un peso di 2,99kg. Il display, ovviamente in diagonale da 17 pollici, è caratterizzato da una risoluzione nativa di ben 1920 x 1200 pixel. Lo schermo è di tipo lucido, ma Apple permette di scegliere, a pagamento, lo schermo classico. Il nuovo portatile fa uso di un processore Intel Core 2 Duo a 2,66GHz di frequenza operativa e provvisto di 6MB di cache di secondo livello. Il bus di sistema opera alla frequenza di 1066MHz. La dotazione di memoria viene proposta di default in 4GB di tipo DDR3 a 1066MHz. La periferica di storage di massa è una unità Serial ATA da 320GB che opera alla velocità di rotazione di 5400 giri al minuto. Ritroviamo, anche in questo caso, le soluzioni di NVIDIA per quanto concerne chipset integrato e GPU dedicata.
MacBook Pro 17 viene proposto sul mercato ad un prezzo di 2499,00 Euro.

iTunes - Giungono novità anche nel campo iPod/iTunes. La più importante riguarda la completa rimozione dei sistemi DRM dai brani delle quattro principali etichette discografiche - Universal Music Group, Sony BMG, Warner Music Group ed EMI - e da numerose etichette indipendenti. I brani saranno inoltre disponibili in formato AAC con frequenza di campionamento a 256kbps grazie al servizio iTunes plus. Cambia inoltre il listino prezzi dei brani su iTunes store: a partire da aprile i brani musicali saranno disponibili a tre diversi prezzi: 69 centesimi, 99 centesimi e 1,29 euro con la maggior parte degli album ancora al prezzo di 9,99 euro. Infine, a partire da subito, gli utenti di iTunes potranno scaricare i brani musicali direttamente su iPhone 3G attraverso la rete 3G così come lo si è fatto attraverso il Wi-Fi sino ad oggi, allo stesso prezzo del download dal computer.
 



© Riproduzione Riservata.