BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Auguri Web, Internet compie 20 anni

Pubblicazione:

webR375_14mar09.jpg

Il World Wide Web compie vent’anni e festeggia in pompa magna. I festeggiamenti non potevano che svolgersi nel luogo che ha visto nascere il Web, il Cern di Ginevra, che ieri ha avuto tra i suoi invitati l’ideatore del Www, il ricercatore inglese Tim Berners-Lee, ex operatore del Centro europeo di ricerche nucleari, in Svizzera.
Era il 13 marzo 1989 quando Berners-Lee sottoponeva al suo superiore, Mike Sendall, un progetto riguardante un nuovo sistema di gestione dell'informazione, volto a mettere in rete gli scienziati del centro ginevrino e i loro colleghi nel mondo intero. «Un po' vago, ma promettente» furono le parole che Sendall annotò sul documento, non avendo ancora individuato le stupefacenti opportunità che avrebbe offerto la Rete. Sendall tuttavia autorizzò Berners-Lee a proseguire i lavori. Nel settembre 1990, il ricercatore ricevette un computer NeXT Cube, col quale, nel dicembre successivo, sviluppò il Web. Se il Web non ha più nulla a che vedere con il sistema d'informazione che all'epoca della sua nascita collegava soltanto un piccolo gruppo di computer del centro di ricerche, «le sue radici saranno per sempre legate al Cern» ha rilevato Berners-Lee nell'ambito della cerimonia di ieri, durante la quale il ricercatore britannico ha effettuato una dimostrazione con il browser originale. E l’invenzione nata dai laboratori ginevrini rivoluzionò la scienza, la società e le abitudini stesse della vita di ogni giorno. Potremmo concepire la vita senza siti da visitare e da cui ricevere informazioni, l’e.mail, i social network, tutto il mondo digitale? Ormai il sistema degli ipertesti ha invaso le nostre esistenze e non possiamo più farne a meno. «Lo spirito creativo che ha permesso a Tim Berners-Lee d'inventare il Web è ancora vivo al Cern» ha assicurato da parte sua il direttore generale del mega centro di ricerche di Ginevra, Rolf Heuer. Heur ha poi voluto mettere in risalto le applicazioni della Rete, meno popolari, ma che evidenziano l’alto potenziale in diversi ambiti scientifici. «Il Web è senz'alcun dubbio la ricaduta tecnologica più conosciuta del Cern - ha continuato - ma le tecnologie messe a punto dal Laboratorio trovano applicazioni concrete in numerosi altri campi, come la cattura dell'energia solare o nel settore della risonanza magnetica medica».

Un po’ di storia

1957
L’ARPA (Advanced Research Projects Agency), destinata ad avere un ruolo fondamentale nello
sviluppo di Internet, passa nelle mani del Ministero della Difesa statunitense.

1965
Lawrence G. Roberts e Thomas Merrill connettono due computer attraverso una linea telefonica a
bassa velocità.

1969
È l’alba di Internet: quattro  computer sono connessi tra loro. Nasce la famosa ARPANET

1972
ARPANET si svela al mondo nel corso dell’International Computer Communication Conference
(ICCC). Nello stesso anno si sperimenta la prima forma di posta elettronica

1975
Creazione di USENET.  Il Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) degli Stati Uniti
investe nella ricerca di un protocollo di comunicazione per connettere computer in rete. È
l’Internetting Project da cui emergerà, finalmente con il suo nome, Internet. Il sistema di
protocolli sviluppato si diffuse con la sigla TCP/IP Protocol Suite

1982
EUnet (European UNIX Network) viene creato da EUUG per fornire servizi e-mail e USENET. Le
prime connessioni nel nord Europa: Svezia, Danimarca, Olanda, e Regno Unito

1983
Il primo gennaio del 1983  il protocollo ospite di ARPANET passa da NCP a TCP/IP

1984
Poiché i database ospiti  sono aumentati a dismisura si introduce il Domain Name System (DNS).
Usato  ancora oggi, consente di distribuire i database su diversi server individuali

1985
Symbolics.com è il primo nome di dominio registrato: è il 15 marzo. Nei mesi successivi sono
messi a registro anche cmu.edu, purdue.edu, rice.edu, ucla.edu e, tra giugno e luglio,
css.gov, mitre.org

1986
La National Science Foundation (NSF) statunitense inizia lo sviluppo di NSFNET che ancora oggi
fornisce la maggior parte della spina dorsale dei  servizi comunicativi per Internet

1987
Germania e Cina comunicano  via e-mail sfruttando il protocollo CSNET. Quando viene spedito il
primo messaggio dalla Cina è il 20 settembre.

1989
ARPANET cede definitivamente il passo a NSFNET. La sigla a cui è legata la nascita della Rete scompare. Il Mondo va online e world.std.com diventa il primo provider commerciale per l’accesso telefonico a Internet. Tim Berners-Lee del World Wide Web Consortium (W3C) in cooperazione con il CERN, L’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare, realizza con Robert Cailliau il primo GUI browser: è la nascita del “World Wide Web” .

1993
Mark Andreesen del National Center for Super- Computing Applications, Illinois (NCSA) è tra i
principali creatori di Mosaic X, primo browser con un’interfaccia grafica che ricorda quelli
in uso oggi e prototipo del futuro Netscape Navigator

1995
David Filo e Jerry Yang vanno in cerca di un investitore in grado di supportare il loro progetto. In marzo fondno Yahoo!.
Amazon vende il suo primo libro: Fluid Concepts & Creative Analogies: Computer Models of the
Fundamental Mechanisms of Thought di Douglas Hofstadter. Alti e bassi della Rete

1994
Marc Andressen fonda Netscape e sviluppa Netscape Navigator. Clarence Thomas IV, studente
dell'Adventist College del Michigan, intasa 5.000 newsgroup con il messaggio “Jesus is
coming”. Per qualcuno è il primo caso di SPAM

1997
Oltre un milione sono i siti web censiti, e 100 milioni i naviganti della rete delle reti.
Il 18 luglio è scelto come data di nascita simbolica del blog, riferendosi allo sviluppo, da
parte dello statunitense Dave Winer del software che ne permette la pubblicazione.
Nel mese di settembre è fondata Google da Sergey Brin e Dave Page.

1999
Nel mese di febbraio Tiscali è il primo provider italiano a offrire la connessione a Internet
gratuitamente.

2000
Scoppia il caso Napster. Il software per la condivisione di file MP3 dà il via in grande stile
al libero scambio di canzoni in Rete.

2002
Maggio: Napster è acquistata da Bertelsmann AG per 8 milioni di dollari. Ma in settembre un
giudice fallimentare blocca la vendita imponendo a Napster di liquidare i suoi asset. La
maggior parte dei dipendenti di Napster venne licenziata e il sito web chiuse affiggendo la
scritta: "Napster era qui".
Il sito Flickr, community di fotografi, è sviluppato dalla Ludicorp, una compagnia canadese di
Vancouver fondata nel 2002.

2003
In contemporanea con la versione 4 di iTunes, viene lanciato l'iTunes Store, uno dei più grandi siti per la vendita di musica on-line.

2004
In gennaio Google annuncia l'offerta pubblica dei titoli: 19,6 milioni di azioni a circa 100
dollari l'una. Il termine Web 2.0 diventa celebre grazie alla O'Reilly Media conference Web 2.0.

2005
Nella versione di iTunes 4.9 lanciata in giugno, per la prima volta compare la voce podcast. Il New Oxford American Dictionary decreta la parola podcast “word of the year”, cioè parola dell'anno.

2006
Il 13 ottobre Technorati dichiara che i blogger sono 44 milioni nel mondo, ma che la cifra cresce, raddoppiando ogni 6 mesi. Il Time sceglie il personaggio dell'anno: il titolo è You, e fa riferimento a tutte le persone che, grazie a Internet, diventano protagoniste del web.

2008
Microsoft lancia un'OPA da 44,6 miliardi di dollari su Yahoo!, ma cadrà nel nulla.



© Riproduzione Riservata.