BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIRUS/ Conficker pronto a un pesce d’aprile

Pubblicazione:

Virus_computerR375_19gen09.jpg

Il prossimo primo aprile potrebbe esserci un bel pesce d’aprile per tutti i possessori di un computer. La data dedicata per tradizione agli scherzi sarà infatti il momento in cui conficker, l'ormai celebre worm che ha infettato milioni di macchine nel mondo, compirà la sua prossima mossa.

Analizzando il codice alla base del programma dannoso, le più importanti aziende di sicurezza informatica hanno rilevato che l'ultima versione di conficker (la terza) si attiverà proprio quel giorno per scaricare delle nuove informazioni sulle azioni da compiere. Quali siano queste attività, e cosa voglia fare il misterioso creatore dell'ultima pandemia informatica, al momento non è dato saperlo.

Sono però gli stessi produttori di antivirus a cercare di placare i timori emersi negli ultimi giorni sulla rete. Secondo le grandi società di software è infatti poco probabile che qualcosa accada veramente il primo aprile e, comunque, i danni sarebbero limitati a pochi casi in giro per il globo.

Alla base di tanta tranquillità ci sono alcuni elementi ben precisi. Prima di tutto le circa 10 milioni di macchine che si stimano siano state infettate dal malware (ma altre rilevazioni indicano al massimo 2 milioni di pc), sono state in buona parte colpite dalla seconda versione del virus e non dalla terza. Per questi computer la data del primo aprile non avrà quindi alcuna rilevanza.

Se questo non fosse abbastanza, c'è poi una rassicurazione di tipo storico, basata sul fatto che tutti i vecchi virus con una data di attivazione, tra cui vere celebrità quali Mydoom e Blackworm, alla fine non hanno causato i danni che si temevano.


Per essere sicuri che il proprio computer non venga toccato da conficker è sufficiente scaricare l'apposita patch distribuita da Microsoft. Questa "pezza" dovrebbe già trovarsi in tutti i pc che fino al 23 ottobre non erano stati infettati e che ricevono gli aggiornamenti automatici di Windows, mentre quelli con Linux o Mac non possono in alcun modo essere toccati dal virus.



© Riproduzione Riservata.