BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FACEBOOK/ Il social network recupera il dominio italiano e assegna i nickname ai profili

Pubblicazione:

facebookR375_10ott08.jpg

Facebook è riuscito a riappropriarsi del “.it”. Infatti il famoso social network non aveva sotto il proprio controllo il dominio italiano, che era finito nelle mani di un noto cyber squatter internazionale, John Michael Preston. Ora invece, entro una trentina di giorni, gli utenti italiani potranno accedere al popolare social network attraverso il dominio nazionale “Facebook.it”. A deciderlo - come riferisce un comunicato - gli esperti del Crdd (Centro risoluzione dispute domini), uno degli enti accreditati dal Registro dei domini italiani per la gestione delle procedure di riassegnazione dei nomi a dominio.
Si tratta di procedure di risoluzione alternativa delle dispute, predisposte per prevenire e combattere i fenomeni di 'cybersquatting', ossia l'accaparramento dei nomi a dominio italiani. Il provvedimento - deciso all'esito di un procedimento durato soli 40 giorni - dispone la riassegnazione del dominio Facebook.it (quello italiano) alla società Facebook UK Ltd e «recepisce tutte le sue contestazioni, dalla mancanza di alcun titolo o diritto sul nome fino alla malafede da parte del 'cybersquatter internazionale' John Michael Preston». Preston aveva acquistato il dominio il 6 marzo 2006 e creato una pagina contenente link che reindirizzavano ad altri siti in diretta concorrenza con Facebook.
Una piaga che incide ancora pesantemente sul web. Una recente indagine MarkMonitor rivela come l'80 per cento delle occupazioni abusive riscontrate nel 2007 ad oggi sono ancora attive. E per l'Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (Ompi), il 2008 è stato un anno boom, con l'8 per cento di crescita rispetto all’anno precedente. Tra i casi più degni di nota ci sono la Fifa e Scarlett Johansson, ma anche la BBC, l'università di Yale, eBay, Google e il BlackBerry. Per questo in Italia e nel mondo sono stati organizzati enti riconosciuti dai rispettivi Registri che in breve tempo sono in grado di risolvere le dispute sui nomi a dominio originate dal cybersquatting.
Ma dal mondo di Facebook giunge un’altra novità che coinvolgerà direttamente gli utenti da tutto il mondo: il portale ha deciso di assegnare a ogni profilo un nickname. La novità modificherà l'Url mediante il quale sono accessibili le singole pagine. Al momento a ogni iscritto è assegnata una serie di numeri casuale, tra qualche giorno, come già accade sul portale concorrente MySpace, l'indirizzo sarà nominale. La vera innovazione consiste nel fatto che non sarà più obbligatorio registrarsi con nome e cognome, aspetto che potrebbe togliere a Facebook parte dell'unicità che l'ha reso così popolare.



© Riproduzione Riservata.