BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INTERNET/ Il Pentagono forma il Cyber-Command: comincia la guerra del web

Pubblicazione:

Come il Pentagono affidò nel 1943 al generale Patton la responsabilità dello sbarco americano in Sicilia, così ad un altro generale a quattro stelle l'America intende affidare una missione altrettanto delicata: sbarcare nel web e mettere a punto un sistema di difesa tanto virtuale quanto strategicamente fondamentale per la difesa degli Stati Uniti d'America. Perché il nemico, oggi, viene anche da lì, dal cyber-spazio.

 

Per questo il Pentagono ha deciso di creare il Cyber-Command: un comando specializzato che fa parte del più alto livello di comando del ministero della Difesa Usa, il Comando Strategico, e che sarà affidato al generale a quattro stelle Keith Alexander.

 

Il Cyber-Command avrà il compito di monitorare e proteggere le reti militari. Perché per gli esperti di guerra e di strategia bellica è proprio lì, nella realtà virtuale della rete, che si possono elaborare, organizzare e mettere in atto (nella realtà) i più gravi attacchi delle guerre del futuro.

 

A dare l'annuncio che dal prossimo ottobre il Cyber-Command sarà integrato ai vertici del Pentagono con compiti strategici precisi è stato il ministro della Difesa americano, Robert Gates. E' stato lui a volere il nuovo Comando militare, naturalmente in accordo con il presidente Obama, che considera la cyber-sicurezza come uno dei problemi da trattare in via prioritaria in tema di sicurezza nazionale.

 

Avere uomini e reparti pronti a navigare nel mare digitale della cibernetica militare è elemento da tenere in considerazione primaria: "Si tratta di una riorganizzazione interna - ha detto uno dei portavoce del Pentagono, Eric Butterbaugh - volta a sviluppare una maggiore operatività riguardo alle reti digitali militari, per rafforzare le nostre capacità cibernetiche affidandole a un singolo comando".

 

Il Pentagono ha tenuto a precisare che il nuovo Comando non tratterà la realtà virtuale 'civile', la cui vigilanza rimane affidata al ministero dell'Interno.

 

La decisione di istituire un Cyber Command fa seguito a quella annunciata un mese fa dal presidente Obama di istituire alla Casa Bianca un ufficio apposito per la cyber-security delle reti dei computer del Governo.



© Riproduzione Riservata.