BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANTIVIRUS / I 15 peggiori worm della storia e i trojan su Facebook che trasformano il computer in uno zombie

Pubblicazione:

Il worm ILoveYou  Il worm ILoveYou

 

Qual è il core business di Clamav e Sourcefire e che cosa le differenzia dai principali concorrenti?

L’attività principale di Sourcefire consiste nello sviluppare e vendere soluzioni commerciali di sicurezza informatica basata sulle nostre tecnologie open source Snort e ClamAV. Il nostro modello di business offre ai nostri clienti il meglio dello sviluppo open source e il suo supporto commerciale. Il sistema Sourcefire 3D unisce Snort IPS open source con tecnologie intelligenti del network dal marchio registrato. In grado di fornire ai clienti una soluzione di sicurezza adattabile in tempo reale, permettendo una difesa stratificata della rete. ClamAV gioca due ruoli nel modello di business. In primo luogo, il progetto e la community di ClamAV VRT (cioè il gruppo di ricerca sulla vulnerabilità) con una conoscenza inestimabile del panorama in rapida evoluzione dei malware. In secondo luogo Sourcefire offre agli utenti di ClamAV l’opzione di avere a disposizione un supporto commerciale per ClamAV attraverso un modello di sottoscrizione annuale. Per quanto riguarda la differenza con i competitor inoltre, Sourcefire è l'unica azienda, in campo IDS/IPS (cioè relativa ai sistemi di individuazione e prevenzione delle intrusioni, Ndr) , nata e cresciuta attorno a un progetto open source e alla sua comunità di utenti. Questo ci offre un vantaggio enorme in termini di informazione preventiva e reazione rapida alle nuove minacce.

 

Quali sono le precauzioni da adottare e i siti internet da evitare per chi non vuole che il suo computer sia infettato?


Checché ne dica il marketing, nessun antivirus è in grado di identificare e bloccare tutte le minacce presenti e future. In effetti quest’ultimo è solo una parte di una lunga catena in cui l'anello debole è comunque l'utente e la sua (mancanza di) educazione informatica. Fare una lista dei siti da evitare è pressoché impossibile. Comunque I consigli principali sono:

- utilizzare un toolkit antivirus e un firewall;
- mantenere il proprio sistema, l'antivirus e tutto il software utilizzato sempre aggiornati;
- cancellare senza aprire le mail e gli allegati sospetti o di provenienza sconosciuta;
- prestare estrema attenzione nell'aprire link a siti web ricevuti via mail o via instant messenger;
- non fornire mai le proprie credenziali di accesso a sistemi o siti ad alcuno, per nessuna ragione;                                                                                                                                                             - se possibile, utilizzare un sistema dedicato (preferibilmente Linux o OSX) per operazioni sensibili quali le transazioni bancarie online. Allo scopo esistono anche distribuzioni linux che stanno interamente su cd-rom e non richiedono alcun tipo di installazione.

(Pietro Vernizzi)

 

Leggi COMPUTER BUG / Invece di bloccare il nuovo virus, McAfee blocca il sistema operativo di Windows XP

 

Leggi anche COMPUTER WORM / In arrivo il nuovo virus W32/Wecorl.a, in grado di connettersi on-line e scaricare materiale dannoso per il pc

 

Leggi anche SOCIAL NETWORK/ Openbook e Facebookprotest, due siti che manderanno in tilt Facebook?

 

Leggi anche FACEBOOK/ Il fondatore Mark Zuckerberg: “Sulla privacy ho compiuto un pacchetto di errori”



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.