BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

iWatch/ Potrà prevedere un attacco cardiaco?

Pubblicazione:

iWatch  iWatch

IWATCH: POTRA' PREVEDERE UN ATTACCO CARDIACO? - Apple starebbe lavorando a qualcosa di importante, questo “qualcosa” è strettamente collegato alla salute dell’essere umano: molte aziende del settore tra cui Nintendo vedono la salute, come la prossima meta a cui dedicare tempo e fondi per la ricerca, cosa c’è infatti di più importante? Nel cantiere della mela morsicata non ci sono solo smartphone e tablet ma un (o tanti) dispositivo/i capace di tenere traccia della salute di chi lo indossa, potete chiamarlo iWatch, braccialetto intelligente, o come volete, certo è che avrà delle caratteristiche del tutto innovative: avrà, oltre ai sensori “di base” che terranno traccia della salute generale dell’individuo, molto probabilmente si avvarrà di alcuni pezzi hardware, appositamente studiati dall’azienda californiana, che sarebbero in grado di prevenire un attacco cardiaco. Sì, prevenire: tutto sarebbe possibile grazie ad un micro-microfono nascosto all’interno di un sensore SMD che riuscirà a percepire le variazioni del suono prodotto dal sangue all’interno delle arterie (!!!). Al lavoro (si presume) ci sarebbe anche Tomlinson Holman, ingegnere del suono assunto da Apple nel 2011, ex della Lucasfilm per il comparto audio ad alta qualità THX… Tutto sarà volto a segnalare, a chi indosserà il braccialetto con questo particolare sensore, un possibile attacco cardiaco in atto, tramite un’allerta, una soluzione che potrebbe davvero fare la differenza e salvare qualche vita. Come vi abbiamo detto, Apple ha assunto una “marea” di ingegneri nel corso di questi ultimi mesi, tutti specializzati nel settore medico, ad ogni modo; più che pensare a quale dispositivo uscirà da questa sorta di collaborazione, resta affascinante immaginare un sensore capace di filtrare il rumore prodotto da mille fattori per concentrarsi solo sull’arteria ed il suono del sangue prodotto al suo interno…



© Riproduzione Riservata.