BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FACEBOOK IN SARDO / Da Like a M’Agradat: il dialetto raggiunge gli altri 99 su Fb Traduttore

Pubblicazione:

Facebook (Foto: LaPresse)  Facebook (Foto: LaPresse)

FACEBOOK IN SARDO, TUTTE LE NOVITÀ IN “TRANSLATION” COL DIALETTO (OGGI, 22 LUGLIO 2016) - Eh sì cari amici sardi, da oggi Facebook sarà nel vostro dialetto: se volete un “aio’” di incoraggiamento ve lo concediamo, la novità è di quelle grosse e non è una bufala (per gli esempi provanti seguire nel dettaglio questo articolo, astenersi cuori deboli). Facebook, il più grande social network del mondo, ha così implementato un nuovo dialetto tra i 99 già presenti nel mondo: «Da quanto Facebook e' stato lanciato il team ha creato l'app Facebook Traduttore per permettere alla community di Facebook di poter usufruire del servizio tradotto e per rendere disponibile Facebook a tutte le persone del mondo. Lavoriamo costantemente in questa direzione e, in quest'ottica, siamo lieti di aggiungere il sardo tra le lingue disponibili». Incredibile a dirsi ma neanche a farsi, visto che realmente ora è funzionante la simpatica alternativa alla lingua ufficiale del singolo Paese di provenienza. Le ironie si stanno già scatenando sul web, con il social che può farsi sempre più “isolano” per piacere anche agli utenti della Sardegna. La modalità di cambiare a livello pratico la lingua sul vostro profilo Facebook è molto semplice: è sufficiente andare sulle impostazioni, fare clic su Lingua e quindi modificare "Che lingua vuoi usare su Facebook?”, e il gioco è fatto, anzi il “giocu”. Eh sii, perché da quel momento in poi ogni singola parola del sistema FB diventerà in dialetto sardo e occhio a non fare errori. Quando abbiamo appreso la notizia qui in redazione, uno dei nostri giornalisti ha provato subito l’ebrezza della nuova lingua: ecco, peccato che ancora non aveva letto le avvertenze su dove andare a ricambiare la lingua e si è ritrovato per mezz’ora frasi del tipo, “Cumenta” (Commenta), “M’agradat” o “Cumpartzi” (condividi) impazzendo letteralmente perché non riusciva più ad utilizzarlo per lavoro (povero, è brianzolo lui). E ora? Siamo riusciti a riportarlpo alla calma: stava già per comprarsi un pacchetto online di vocabolario Italo-sardo, ma gli abbiamo fatto vedere in anteprima il nostro articolo ed è riuscito a sbloccare e riportare tutto alla calma italiana. Uno spettacolo, grazie al sardo la mattina in redazione è stata assolutamente top: insomma, la novità di Facebook M’agradat! Ah, scusate, ci siamo fatti prendere dalla situazione: ci piace!



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
31/07/2016 - Lingua sarda, dialetto sarà il vostro (Nico Puerta)

Vorrei solo invitare l'autore di questo "articolo" a riservare le sue ironie al dialetto di casa sua e ad accrescere la sua cultura o a smettere di tamburellare sul pc, visto che "scrivere" dall'ignoranza è un peccato mortale. Il sardo è una lingua neolatina e l'unica a godere di un gruppo a sé stante, non appartenendo né al sottogruppo italico né a quello iberico. Io insegno circa 5 lingue a Vienna, e ne parlo una decina in totale, quindi so alla perfezione di cosa sto parlando. E mica lo so solo io, lo sanno tutti: il sardo è riconosciuto come lingua di minoranza ufficiale addirittura dal retrogrado e repressivo stato italiano, nonché dall'Unione Europea, che infatti tira sempre le orecchie allo staterello italico per le sue politiche discriminatorie. Inoltre, il sardo è coufficiale in Sardegna, alla pari dell'italiano. Diverso discorso è che poi nella pratica molti sardi non lo promuovano come dovrebbero, ma questo è un problema loro. Almeno in Facebook, ora il sardo è alla pari di tutte le altre lingue. Se il vostro "lumbard" non lo è, peggio per voi, non è competenza dei sardi (anche la vostra è una lingua, ma voi siete meno capaci dei friulani o dei ladini e non la sapete valorizzare). Per finire, il sardo è insegnato anche in diverse scuole e addirittura università della Germania nonché a Brno. Saluti dall'Austria, compari lombardi, settentrionali d'Italia ma meridionali d'Europa. Saludos de s'Àustria (sardo), Grüße aus Österreich (tedesco).