BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

IL CASO/ The Economist e le "previsioni" che mettono in crisi il lavoro

InfophotoInfophoto

La flessibilità e la capacità di affrontare situazioni non previste e non riconducibili a routine o schemi predisposti rimane la caratteristica umana più difficilmente riproducibile dalla tecnologia: la coltivazione di questa capacità dovrà essere sempre più l’obiettivo dell’educazione, che non potrà che essere permanente.

Più che una soluzione, sembra una linea di difesa che può salvare almeno in parte il nostro futuro, ma il dibattito in corso nel nostro Paese, e non solo, non pare essere del tutto cosciente di questi problemi. Né sembra esserlo la classe politica, così conclude The Economist.

© Riproduzione Riservata.