BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

TELECOM/ Il terzo incomodo nella "soap" brasiliana

Infophoto Infophoto

Oi ha affidato l’incarico per le operazioni su Tim Brasil alla Btg Pactual, società finanziaria brasiliana soprannominata da alcuni la “Goldman Sachs sudamericana”, già incaricata a suo tempo da Telefonica per lo “spezzatino” Tim. La Btg Pactual, controllata dal brasiliano Andrè Esteves, la cui fortuna personale è valutata intorno ai 3 miliardi di euro, è tutt’altro che sconosciuta in Italia, avendo acquistato nello scorso luglio la Banca della Svizzera Italiana dalle Generali, per 1,2 miliardi di euro. Inoltre, detiene il 2% di Mps, confluito in un patto che vale il 9% del capitale della banca, insieme al 2,5 % della Fondazione Mps e il 4,5% di Fintech Advisory.

Fintech Advisory è una finanziaria con sede a New York, controllata dal miliardario messicano David Martinez, specializzata nella ristrutturazione di debiti sovrani e nota soprattutto per la ristrutturazione del debito argentino. Martinez ha consistenti interessi nel Paese sudamericano e ciò lo porta direttamente nel “gioco dell’oca” di Telecom, che ha firmato lo scorso novembre un contratto con Fintech per la cessione della sua partecipazione di controllo in Telecom Argentina, per 960 milioni di dollari.

La conclusione del contratto è stata rinviata al 1 settembre, ma corrono voci di possibili difficoltà insorte, che potrebbero perfino far saltare l’operazionale, ponendo qualche problema in più per Telecom Italia. Martinez ha qualche difficoltà con l’antitrust argentino e potrebbe essere costretto a cedere almeno in parte le sue quote nel gruppo Clarin. A tal proposito sembrerebbe in trattativa con la spagnola Prisa, la stessa che ha venduto le sue quote in Digital + a Telefonica, che ne ha poi estromesso Mediaset, per poi comprare l’11% di Mediaset Premium.

E pensare che c’è chi dice che l’economia è noiosa!

© Riproduzione Riservata.