BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

RCS/ La "nuova vita" del Corriere (con un occhio alla guerra su Mediaset Premium)

Urbano Cairo (Lapresse)Urbano Cairo (Lapresse)

Ciò che rimane agli atti è che non possiamo più parlare di "Corrierone" e di "salotto buono": il Corriere della Sera ritorna a essere un prestigioso quotidiano italiano che deve competere in un mercato sempre più aggressivo. Urbano Cairo ha già dimostrato di saper affrontare questo mercato e c'è da augurarsi che riesca a farlo anche in questa occasione. Attualmente sembra essere questo il giudizio di Piazza Affari, che si sta forse facendo strada anche nella cordata che ha perso la gara, almeno a giudicare da una dichiarazione di Alberto Nagel, che ha dichiarato di voler mantenere la quota in Rcs fino al recupero in Borsa del valore di carico. Mediobanca ha le azioni Rcs in carico a 1,2 euro, una quotazione che, malgrado il violento rialzo di venerdì, rimane ancora distante. A meno che conti su un qualche evento straordinario, anche Mediobanca pensa quindi che la nuova gestione possa riportare le quotazioni di Rcs ai livelli di due anni fa. D'altronde, perfino il più deciso contestatore dell'esito dell'Opas, Diego Della Valle, l'imprenditore marchigiano noto per le Tod's, ha dichiarato di voler mantenere la sua quota del 7,3%. 

Forse si può considerare chiusa, almeno per il momento, questa fase di quella che si presenta come una sorta di "guerra di successione" nel mercato editoriale e media italiano. Con un occhio particolare a un altro scontro già in atto, quello attorno a Mediaset Premium.

© Riproduzione Riservata.