BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ I voti pronti a fare a pezzi l'euro

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

Il 2016 è stato per le borse l’anno della “politica” prima con la Brexit, poi con le elezioni del nuovo presidente americano e infine con il referendum sulla riforma costituzionale in Italia con relativo cambio di governo. Nei primi mesi dell’anno in realtà non si credeva che questi temi potessero essere così determinanti; la ragione, molto semplice, è che nessuno credeva veramente che i risultati potessero essere di rottura rispetto ad andamenti consolidati e rispetto a quanto veniva presentato come “razionale” e ragionevole sui principali media. La sottovalutazione degli investitori trovava corrispondenza nei sondaggi e nelle probabilità che si davano alla vittoria del leave al referendum sulla Brexit o a quella di Trump nelle elezioni presidenziali americane. Il mercato non solo è stato preso completamente in contropiede dalla vittoria del leave, ma, meno di sei mesi dopo, anche dall’esito elettorale americano. Oggi le discussioni riguardano gli impatti di eventi politici su cui dodici mesi nessuno avrebbe scommesso.

Nessuno ovviamente sa cosa possa succedere nel 2017, quello che possiamo però dire già oggi è che le sfide “politiche” dell’anno appena cominciato sono maggiori di quelle del 2016 sia in Europa che nei rapporti tra Stati Uniti e resto del mondo. A metà marzo si voterà in Olanda; il partito di Geert Wilders, con il suo programma anti-europeo, continua a essere, secondo i sondaggi, un possibile vincitore. A fine aprile si terranno le elezioni in Francia con la partecipazione di un candidato, Marine Le Pen, decisamente anti-Europa e soprattutto anti-euro. Fillon pare in vantaggio, ma dopo quello che è successo nel 2016 non è il caso di assumerlo come scontato. Dopo le elezioni francesi e dopo l’estate sarà il turno di quelle tedesche. Il partito di Angela Merkel continua ad avere il favore dei sondaggi e dei pronostici nell’elezione che meno spaventa i mercati. Se una delle due elezioni precedenti, in particolare quella francese, dovesse andare “male” si assisterebbe con ogni probabilità a un radicale rimescolamento delle carte.

Questa tornata elettorale che coinvolge la prima e la seconda economia dell’area euro avviene in un contesto particolare influenzato da tre fattori. Il primo fattore è la vittoria del leave in Inghilterra; un esito che per il momento non ha avuto implicazioni negative sull’economia reale inglese. È vero che l’Inghilterra ha sempre goduto di uno status speciale all’interno dell’Europa, ma il precedente posto è comunque pericoloso e l’esempio decisamente sfidante per il resto dell’Europa. Il secondo elemento è una presidenza americana completamente diversa, in tema di politica estera, rispetto a quella appena conclusa. Ancora nel 2012 Trump “twittava”: “l’euro è in pessima forma. Con la Germania, che supporta la valuta, vittima di un rallentamento l’intero euro potrebbe cadere. Un giorno cadrà”. È lecito chiedersi quanto possa essere deciso l’intervento degli Stati Uniti se l’euro dovesse traballare pesantemente nei prossimi mesi. Viste le contraddizioni all’interno dell’Europa e la rigidità assoluta tedesca forse non basterebbe nemmeno un intervento “violento” e deciso; tanto meno se l’intervento non ci fosse o riflettesse la convinzione che non è poi così utile o necessario salvare l’euro e l’Europa.


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
07/01/2017 - Rafforzare l'Unione Europea! (Silvano Rucci)

Il grafico ci mostra quanto, dal 1960 al 1995 la Germania, con spiccata lucidità, abbia sempre salvato se stessa! L'Inghilterra si è già chiamata fuori dall'Unione, pur di primeggiare in sicurezza! L'Europa si distingue per essere brava e coesa, ma non troppo lucida nel decidere di salvare "tutti"! A mio avviso continuare a coltivare il proprio orticello, invece di rafforzare l'Unione Europea per affrontare sia il 2017 sia il futuro che ne seguirà, è una macro miopia!