BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ Dopo Asamoah e Isla per un Mister X per l'attacco?

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

CALCIOMERCATO JUVENTUS - Era dai tempi di Moggi che la Juve non metteva a segno un colpo, anzi un doppio colpo così. Per festeggiare lo scudetto, per celebrare l’ingresso in Champions League dalla porta principale e per sancire incontrovertibilmente il ritrovato orgoglio di vestire la maglia bianconera, Marotta e Paratici non potevano trovare regalo migliore. Con il doppio acquisto (seppure, per ora, in comproprietà con l’Udinese) di Asamoah e di Isla la campagna acquisti della Juve è partita davvero con il… ruggito giusto. Da mesi si parlava con inistenza ossessiva di top player per l’attacco, da mesi l’attenzione era costantemente indirizzata (o sviata?) sull’attaccante in grado di dare 20-25 gol alla Juve e di garantire quella pericolosità e prolificità che nell’ultima stagione è un po’ mancata alla squadra di Conte, e invece – come fulmine a ciel sereno – in un solo pomeriggio arriva una “notiziona” di mercato che spiazza e fa invidia alle concorrenti. Eh sì, in un sol – doppio - colpo Marotta è riuscito in un triplice intento:

1) posizionare il mercato della Juve in pole position, soprattutto rispetto alle antagoniste italiane (Inter in testa, visto che i nerazzurri erano sulle piste di Isla come possibile sostituto di Maicon), ma lanciando un guanto di sfida anche alle future rivali della Champion’s (il messaggio è chiaro: stiamo rafforzando una squadra già competitiva, inserendo tasselli di qualità, che completano l’organico e offrono valide alternative tattiche, grazie a giocatori forti fisicamente, duttili tatticamente e dotati tecnicamente);

2) acquisire quello che le teorie economiche chiamano “vantaggio competitivo”: muoversi prima degli altri, per dare direzione al mercato, condizionare le mosse altrui, costringere la concorrenza a inseguire, garantirsi in anticipo i giocatori che servono, non quelli che restano a disposizione sul mercato. Non a caso, saggiamente, Marotta e Paratici hanno pensato a puntellare un centrocampo, cioè il reparto nevralgico di una squadra, già formidabile (Pirlo-Marchisio-Vidal) con due innesti provenienti da un club – l’Udinese – che ha fatto della corsa e del bel gioco il suo Dna per arrivare a conquistare traguardi importanti;

3) affermare una ritrovata centralità della Juve nello scacchiere del calcio che conta: le ultime campagne acquisti sono state vissute all’insegna di una certa improvvisazione e di un quadro tattico-strategico confuso e ritardatario. Dall’anno scorso, invece, con l’arrivo di Conte, a parte l’abbrivio concentrato sull’acquisto di esterni di ruolo per supportare un 4-2-4 abbandonato dopo il ritiro estivo, la Juventus ha iniziato una costruzione dai contorni molto chiari: squadra atleticamente prestante, votata al pressing e al dinamismo, ma senza disdegnare i piedi buoni. Una filosofia che Asamoah e Isla confermano alla grande.



  PAG. SUCC. >