BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

SCUOLA/ Io, preside di una paritaria, vi racconto come qui l’educazione funziona davvero

Perché vale la pena sostenere, con la propria preferenza o con il proprio lavoro, una scuola libera? La testimonianza di MARCO NARDONE, preside della scuola paritaria Bertoni di Udine

cielo1R375_21ott08.jpg(Foto)

In un comunicato congiunto del 15 aprile 2010 dal titolo Puntare sulle riforme pensando alle nuove generazioni le maggiori organizzazioni rappresentative delle scuole paritarie hanno sollecitato il Governo a reinvestire “le risorse recuperate dalla razionalizzazione del sistema scolastico” nello stesso settore, “per attuare l’autonomia delle scuole e accrescerne la qualità, per valorizzare secondo il merito la professionalità dei docenti, per garantire la libertà di scelta delle famiglie e la piena parità fra istituti statali e non statali”. Il comunicato aggiunge poi che “una vera ed efficace razionalizzazione del sistema nazionale di istruzione non può non tenere conto dell’enorme risparmio che le scuole paritarie garantiscono allo Stato”, e auspica perciò adeguati provvedimenti legislativi che agevolino economicamente le famiglie che scelgono la scuola paritaria, cosa che libererebbe “ulteriori risorse finanziarie utili all’intero settore”.

Sono tematiche note e ribattute da anni ma c’è un accento nuovo, sempre più ricorrente: la scuola paritaria è un bene per tutti. Il trattamento riservato alla scuola paritaria appare sempre di più come la cartina al tornasole del trattamento che subisce tutta la scuola. E non solo perché la scuola paritaria, insieme alla scuola statale, va a comporre il sistema nazionale dell’istruzione, come stabilisce la legge 62/2000, di cui quest’anno ricorre il decennale. Ma anche, e soprattutto, perché, per rispondere all’emergenza educativa dei nostri tempi, occorre “sostenere lo sforzo educativo delle famiglie e delle scuole”. Che questo avvenga, per la scuola paritaria è vitale, non può sopravvivere altrimenti. Ma che avvenga o non avvenga, ne va della scuola, di tutta la scuola: perché senza “garantire libertà di educazione e qualità dell’insegnamento” sarà inevitabile “veder crescere insuccessi e insoddisfazione dei giovani nella scuola”. Cioè la deriva indotta dallo svuotamento della dimensione educativa. In questo la scuola statale e la scuola paritaria insieme stanno o insieme cadono. Sarebbe ora che la comunità civile, e anche la comunità cristiana, ne abbiano coscienza (si veda per tutti il volume a cura della CEI La sfida educativa, Laterza 2009).

Ma perché allora vale la pena sostenere, con la propria preferenza o con il proprio lavoro, una scuola libera? Per me, preside di scuola paritaria, la risposta è questa: perché le scuole paritarie sono il modello dell’autonomia scolastica, e perciò sono nelle condizioni di rappresentare il lievito del futuro sistema di istruzione. Ma questo non basta. Perché valga veramente la pena, occorre che queste condizioni siano attuate, in modo che nella scuola sia possibile testimoniare, facendola riaccadere, la vera natura dell’educazione. Che sta tutta nel trattare l’altro secondo la dignità della sua persona, in modo da tenerne desta la domanda di verità, di giustizia e di felicità. E coniugando in vista di questo disciplina e libertà. Almeno come tentativo, come scopo ultimo da tener sempre presente, da parte nostra.

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo