BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

J'ACCUSE/ L’imprenditore: vi spiego perché il rating non può valutare un’azienda

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Questa crisi è qui a dimostrare che i progetti politici e finanziari sui quali si era investito si sono dimostrati inadeguati a risolvere le questioni per i quali erano stati formulati, anzi le hanno peggiorate.
Il problema di fondo di ogni progetto è quindi il soggetto che l'ha creato e la sua disponibilità a confrontarsi continuamente con la realtà e verificare con responsabilità se quello che ha fatto è ancora adeguato o no; ovviamente, a costoro, l'idea di avere sbagliato non li sfiora neppure per un attimo.
Perché allora, mi chiedo, le nostre banche non tornano ad essere "semplicemente utili" invece di pensare solo a "fare utili"? Perché non si capisce che Basilea2 è stata un fallimento e che al posto di stabilire un rating basterebbe avere più competenze sul reale lavoro dell'impresa?
Ma noi piccoli e medi imprenditori che rappresentiamo il 99% delle imprese italiane, e che siamo sì un’anomalia, ma virtuosa, sappiamo che lamentarsi non serve perché ogni mattina quando ci svegliamo, qualunque sia la difficoltà, ci rimboccheremo le maniche per aprire l'azienda, dare lavoro ai dipendenti e cercare di offrire un prodotto migliore ai nostri clienti, alla faccia del rating e di tutti i tecnici che credono che basti imporre regole e misurazioni per far si che nessuno abbia più bisogno di essere buono senza invece capire che «l'Uomo che è farà sempre ombra all'uomo che si pretende di fare».

(Andrea Rosestolato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
23/06/2012 - Rating (Diego Perna)

Ci si rimbocca le maniche e si cerca di fare un prodotto migliore sinchè ci sarà data la possibilitá di farlo. Il ratiing serve a chi detiene il potere del denaro attraverso il quale passa l' economia, oramai anche degli stati. È un giogo, ed è venuto il momento di cominciare a chiamare le cose per nome. Al potere ci si arriva e ci si resta se si fa il piacere dei potenti, non perchè si hanno belle idee. Oggi c' è ancora chi crede che Siamoin democrazia , mentre le regole sono dettate da un gruppo di banchieri e massoni per tutto il mondo occidentale e non solo. Non si spiegano altrimenti certi fenomeni, ma sinchè ognuno non ci sbatte il naso, difficilmente se ne renderá conto, il sistema è molto ben organizzato sotto tutti gli aspetti non ultimo quello mediatico. Buon pomeriggio