BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Ecco perché tagliare gli "aiuti" alle imprese non riduce lo spread

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

IL TAGLIO DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CONTRO L'AUMENTO DELLO SPREAD A nulla sono valse le misure sin qui messe a punto o annunciate. Lo spread, infatti, veleggia tranquillamente a quote d’allarme mentre il Fondo europeo che dovrebbe calmierarlo acquisendo titoli sul mercato secondario al raggiungimento di una determinata soglia è ben lungi dal vedere la luce, bloccato com'è dalla Corte Costituzionale  tedesca. I supremi giudici tedeschi, infatti, accettando svariati ricorsi contro la sua approvazione, ne stanno rallentato la ratifica. Hanno fatto sapere che una sentenza arriverà il 12 settembre. Nel frattempo, il governo italiano si deve essere convinto del fatto che il fondo del barile, evidentemente, non è ancor stato raschiato. Già ad agosto, quindi, potrebbe mettere a punto un secondo piano di tagli alla spesa pubblica. L’importo non è ancora noto, ma il bersaglio dovrebbero essere le agevolazioni fiscali e gli aiuti diretti alle imprese. L’intenzione sarebbe quella di rassicurare i mercati in un mese che, come l'anno scorso, potrebbe essere incandescente per i titoli di stato italiani. Guido Merzoni, professore ordinario di Economia politica presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università Cattolica, spiega a ilSussidiario.net perché non sarà questo l’effetto sortito. «Ogni misura che comprima la spesa è potenzialmente recessiva - spiega -. Qui, oltretutto, non siamo in presenza soltanto della riduzione della domanda, ma della capacità di costituire risorse produttive per il futuro. Il che, è ancora più grave». Ovviamente, secondo il professore, qualunque tentativo di revisione razionale dei capitoli di spesa della Pubblica amministrazione è opportuno.«Quando, esso, tuttavia, si trasforma nel tentativo di rincorrere il peggioramento delle condizioni generali della finanza pubblica, derivanti dall’aumentare degli interessi sul debito in misura non corrispondente ai fondamentali dell’economia, il rischio è che si inasprisca le spirale recessiva».

Ogni misura ideata per tamponare la situazione, inoltre, lascia il tempo che trova: «Il nodo fondamentale riguarda il fatto che i flussi dei mercati finanziari, a livello internazionale, devono essere regolamentati. Finché non si individuerà un rimedio strutturale all’eccessiva volatilità, i problemi saranno destinati a ripresentarsi». La questione è dibattuta da tempo. «Di regolamentazione se ne era parlato fin dagli inizi della crisi, specie in America; senza che, tuttavia, si siano mai concretizzati provvedimenti del genere». La dinamica da limitare, del resto, è ormai nota: «I mercati finanziari tendono a discostare i loro corsi dai fondamentali dell’economia. Sono soggetti alle tendenze dei cosiddetti equilibri multipli e delle aspettative che si auto-realizzano; in sostanza, se iniziano a essere pessimisti su un Paese o su un certo flusso finanziario, il pessimismo si traduce in realtà».



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
19/07/2012 - Cui prodest Monti? (Carlo Cerofolini)

Quest'articolo evidenzia chiaramente come il governo Monti sia inadeguato, anzi dannoso. La domanda allora è: cui prodest?