BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Impresa e Artigiani

LA STORIA/ Il legno che "salva" il mercato delle case

Le costruzioni in legno, spiega CLAUDIO GIUST, sono destinate ad aumentare grazie alla velocità di realizzazione e ai passi avanti in campo tecnologico degli ultimi anni

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Non tutta l’edilizia è in crisi. Il settore delle costruzioni in legno, ad esempio, è in controtendenza e sta guadagnando quote significative di mercato. Non solo in Italia, ma anche all’estero. A Claudio Giust, titolare de La Edilegno srl di Treviso, nonché Presidente di Assolegno, abbiamo chiesto di illustrarci le prospettive di un settore che punta ancora a crescere.

Rispetto al mercato dell'edilizia ancora pesantemente in crisi, quello delle costruzioni in legno sta dando risultati positivi. Come lo spiega?

È vero, il mercato sta rispondendo positivamente. I motivi? Tanti.

I principali?

Innanzitutto il legno è un materiale naturale, che consente un elevato risparmio energetico, rispetta i parametri antisismici e di resistenza al fuoco. In più …

In più?

Negli ultimi anni sono stati fatti grossi passi in avanti nella ricerca che hanno permesso di mettere a punto nuove tecnologie costruttive, che inizialmente hanno trovato un campo ottimale di applicazione nelle zone terremotate.

Che vantaggi hanno portato queste nuove tecnologie?

Innanzitutto la notevole riduzione dei tempi di realizzazione in cantiere, dovuta alla prevalente messa in opera “a secco”, una caratteristica fondamentale per accelerare la ricostruzione delle zone terremotate.

Può fornirci qualche dato relativo al suo settore?

A oggi si stima che le case con struttura portante in legno costituiscano l’8,5% del totale dei fabbricati di nuova costruzione, una percentuale che si prevede in aumento entro fine anno, anche grazie all’incremento delle ristrutturazioni.

Dove si registra la crescita maggiore?

La crescita è un po’ ovunque, sia nella realizzazione di case private che nella riqualificazione degli edifici esistenti, ma il dato più significativo riguarda il Social Housing.

Perché proprio in quel comparto?

L’aumento è certamente dovuto alla modifica del comma 2 dell’articolo 52 della legge 380, introdotta con il decreto Salva Italia dal precedente Governo.

Cos’è cambiato?