BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PREMI UCIMU 2016 / Sette tesi "laureate" all'università della macchina utensile

A chiusura del 30.Bi-MU/SFORTEC, l'Ucimu assegna i premi a sette tesi di laurea elaborate da studenti d'ingegneria. Il presidente MASSIMO CARBONIERO: "Sfida Industria 4.0 per il 2017".

Premiati Ucimu Premiati Ucimu

Sono 7 gli studenti premiati da FONDAZIONE UCIMU nell’ambito dell’iniziativa PREMI UCIMU per le migliori tesi di laurea dedicate all’industria italiana della macchina utensile.

La cerimonia di consegna degli attestati e dei premi si è svolta durante , biennale italiana dedicata a macchine utensili, robot, automazione, tecnologie ausiliarie, servizi per l’impresa, meccatronica e industria 4.0, in scena a fieramilano da martedì 4 a sabato 8 ottobre 2016.

Alla tavola rotonda, tenutasi sabato 8 ottobre e moderata da Ernesto Imperio, professore del Politecnico di Milano e ricercatore ITIA-CNR, sono intervenuti alcuni vincitori delle edizioni precedenti che oggi sono  impegnati nel settore: Marco Barilari, R&D manager, Riva Cold; Elio Bergamaschi, PLM senior business analyst, Siemens; Simone Galbersanini, testing tecnology manager, AgustaWestland; Massimiliano Menegotto, managing director, NUM e CTO, NUM Group. La cerimonia è stata presieduta da Massimo Carboniero, presidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE e Alfredo Mariotti, direttore dell’associazione (nella foto).

Ampio lavoro per la commissione giudicatrice dei che quest’anno si è trovata a valutare     27 tesi dedicate al settore. “Un bel numero di candidature che dimostra l’interesse e l’attenzione dei giovani verso un settore che offre interessanti opportunità di occupazione e che è in continua evoluzione ” - ha dichiarato Massimo Carboniero.

Giunta alla sua 40esima edizione l’iniziativa , che l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione riserva alle migliori tesi di laurea, di primo e secondo livello, è pensata per promuovere la conoscenza delle tecnologie e delle tematiche connesse con la produzione e l’utilizzo di macchine utensili, robot e sistemi di automazione, favorendo il collegamento tra università e impresa.

Sono tre le tesi di laurea specialistica premiate per la categoria “Impatto aziendale”.

Cristian Bettanin, Università degli Studi di Padova, facoltà di Ingegneria, prof. Filippo Berto, “Progettazione a fatica di giunzioni saldate di interesse industriale mediante approcci locali”. Tesi realizzata in collaborazione con Omera (Chiuppano, VI).

Emanuele Perazzoli, Politecnico di Milano, facoltà di Ingegneria industriale e dell'informazione, (Prof. Matteo Strano, “Cryogenic machining: progettazione di un'attrezzatura di riconversione criogenica per centri di fresatura e test sperimentali di tornitura”. Tesi sviluppata con la collaborazione di Jobs (Piacenza).

Stefano Zaffaroni, Politecnico di Milano, Facoltà di Ingegneria, prof. Bruno Pizzigoni (con la collaborazione di Ambrogio Girotti), “Modellazione e controllo di servopresse di grandi dimensioni”. Elaborato sviluppato in collaborazione con Zani (Turate, CO).

Ad esse si aggiungono le tesi di laurea specialistica svolte da: 

Matteo Del Nero, Politecnico di Milano, School of Industrial and information engineering, prof. Alberto Biffi, “Laser cutting of superelastic nitinol for micro-devices”. L’elaborato è stato premiato per la categoria “Macchine utensili e sistemi produttivi: concezione, ingegnerizzazione, integrazione, tecnologie e applicazioni nella produzione industriale”.

.