BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GUIDA BFS-PMITUTORING-4/ Quando l'impresa compra garanzie in banca: scegliere allo sportello

Pubblicazione:martedì 8 novembre 2016

Banca: una vetrina di soluzioni per la garanzia del business Banca: una vetrina di soluzioni per la garanzia del business

Nell’attività lavorativa di un imprenditore – specialmente se opera nel mondo degli scambi commerciali - è prassi quotidiana rivolgersi alle banche per ottenere una garanzia. Le garanzie bancarie sono strumenti utili per proteggersi dai rischi e consistono nell’obbligo da parte di un istituto di credito di pagare una determinata somma di denaro a una serie di condizioni stabilite ponendosi come garante e assicurando l’adempimento di un impegno. In altre parole per tutelarsi nell’arco di un’attività e far rispettare i crismi dei contratti stipulati si ricorre all'intervento di una figura istituzionale cioè la banca che – con più forza rispetto al singolo - si impegna a eseguire e far eseguire prestazioni finanziarie. E' un terreno dedicato sul quale le nuove piattaforme di mediazione creditizia agiscono con particolare impegno nello studiare soluzioni innovative e affidabili soprattutto per la clientela delle Pmi.

Se è frequente ricorrere alle garanzie bancarie nel mondo delle esportazioni e più in generale degli scambi commerciali, come si vedrà, esse non si limitano a tutelare questo universo. Questo strumento viene impiegato sia come assicurazione di un pagamento (merci, contratti di affitto o di impresa), sia in luogo del pagamento vero e proprio come accade con le lettere di credito. Nei casi più frequenti garantisce colui che presta da eventuali ritardi sui termini di saldo del debito del contraente o su inadempienze nel valore, ma le situazioni in cui si può ricorrere alla garanzia bancaria sono molteplici.

Le garanzie, sotto il profilo giuridico, consistono in una transazione privata e si possono dividere in due categorie: dirette e indirette. Nel primo caso la banca dell’ordinante si impegna direttamente nei confronti del beneficiario a eseguire il pagamento della somma pattuita in caso di inadempimento dell’ordinante. Nel secondo caso la banca non assume un impegno diretto nei confronti del beneficiario, ma lo assume nei confronti della sua banca. Ciò avviene quando la legge del Paese del beneficiario impone che le garanzie possano essere emesse soltanto da banche locali.

 


  PAG. SUCC. >