BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

IL CASO/ Così l'Europa del silenzio ha sconfitto gli abortisti

ConsiglioEuropaR400.jpg(Foto)



Tutto è stato predisposto per limitare la scelta libera e cosciente di ginecologi e infermieri. Essi - secondo il documento portato avanti da socialisti ma anche da esponenti del Partito popolare europeo - devono essere obbligati a praticare l’aborto in caso di urgenza, oppure quando l’ospedale dove provvedere all’eliminazione dell’intoppo (che sarebbe un bambino) sia considerato lontano.

Non basta: si deve dichiarare che non ci può essere alcuna clinica riconosciuta dallo Stato che non preveda nelle sue strutture di operare gli aborti. Insomma, venendo al concreto: o il Policlinico Gemelli o la clinica dei Camilliani devono essere disponibili alla pratica che avete capito.

L’Italia viene citata come esempio infame: il 70 per cento dei medici e il 50 per cento degli anestesisti obietta. Occorre intervenire.
La battaglia era perduta. Nelle commissioni affari sociali e in quella delle pari opportunità passano emendamenti sempre più duri. Si rifiuta qualsiasi dialogo, mediazione, eccezione. Niente da fare, in apparenza. Invece…

Invece un gruppetto (Volontè, eccellente capogruppo nel Ppe, un irlandese, un olandese, un lituano protestante, i russi, chi qui scrive) prepara emendamenti. Si prova a ragionare sulla realtà piuttosto che sull’ideologia. Dimostriamo che l’obiezione di coscienza attiene alla libertà incoercibile. Si dimostra che la preparazione del rapporto ha escluso testimonianze non allineate alla tesi precostituita.

Ed eccoci in aula. Diciamo le nostre ragioni. Proponiamo di ridiscutere tutto. Non accettano, i nostri avversari. Emendamento dopo emendamento, guadagniamo consensi. La risoluzione cambia radicalmente. Diventa l’affermazione del primato della persona, del buon diritto all’obiezione, della negazione del diritto all’aborto. 
 

 

 

Continua
 


COMMENTI
12/10/2010 - PIU' DI LEPANTO (FRANCESCO BUGINI)

La grande vittoria ottenuta contro il fronte abortista non cade a caso e in un giorno qualunque. Sono convinto che sia la svolta, che sia l'inizio di una nuova fase nella vita dell'Europa, grazie a Farina e ai deputati anti abortisti, il Cielo ve ne renderà merito!

 
11/10/2010 - Lepanto (giorgio alberto crotti)

grazie Renato, buon lavoro, noi dalle retrovie sgraniamo rosari a Maria certezza della nostra speranza.

 
11/10/2010 - Il silenzio degli innocenti. (claudia mazzola)

Ieri al Santuario delle Fontanelle che commozione! C'è una gradinata usata dalla Madonna, si fa in ginocchio in segno di penitenza. Ebbene, ho visto una fiumana di bambini farla con le mani giunte pregando l'Ave Maria. Gli abortisti prendano esempio dalla nostra Speranza che si fa viva nella vita piccina.