BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

IL CASO/ Così l'Europa del silenzio ha sconfitto gli abortisti

ConsiglioEuropaR400.jpg(Foto)



Vinciamo tutto, nello stupore di chi era abituato a colonizzare e a imbrigliare il giudizio di tanti parlamentari. Dalla Georgia arrivano in aereo i parlamentari, con un volo predisposto per questa scelta. In Albania, il Parlamento sospende le sedute per consentire il voto ai due rappresentanti di Tirana. Gli ungheresi, con gravi sacrifici economici, arrivano in tempo. Risultato: 56 contro 51, più 4 astenuti.

Noi italiani abbiamo fatto fatica ad esserci. Personalmente ho ricevuto un sms intimidatorio che mi imponeva di non partire firmato dal capogruppo, senza che ci fossero votazioni in aula. Ma un gruppetto del Pdl ha sfidato l’imposizione e c’era. Bergamini, Tofani, Nessa. Uno dell’Api, Russo. Uno dell’Api di Rutelli, Giacinto Russo. Oltre a Volontè dell’Udc, il capogruppo Ppe. Nessuno dei democratici cattolici del Pd.

C’è un’altra Europa, che non dà per scontato che il mondo scivoli inesorabilmente verso il nichilismo. Se ne sono accorti in Francia, in Gran Bretagna. In Polonia i deputati sono rientrati e hanno indetto manifestazioni per contrastare l’inerzia del dissolvimento di una tradizione. In Spagna, la risoluzione è già usata contro le leggi liberticide di Zapatero. In Russia il Patriarcato di Mosca guarda con stupore felice. Da noi: zero, nessuna dichiarazione, solo Avvenire dà spazio. Il resto della politica si ferma al reciproco addentare i polpacci.

Eppure qualcosa accade. Niente trionfalismi. Tra l’altro anche se si vincesse sempre, questo non è garanzia di un bel niente. Non sono le leggi a cambiare il mondo. Anche se avessimo perso la partita sarebbe quella di sempre: non è certo la politica a salvare l’uomo, e neanche i politici. Ma c’è una unità nel riconoscimento delle esigenze del cuore che spalanca orizzonti nuovi per l’Europa. Tocca accorgersene. Lavorare per questo. Sapendo che - come dice T. S. Eliot - perché distruggano gli altari bisogna pure che prima qualcuno li costruisca.

Personalmente, in questa battaglia devo dire che molto ho imparato dai nostri amici che scrivono su IlSussidiario.net, da Andrea Simoncini a Marta Cartabia. Abbiamo scoperto un attimo dopo che questa vittoria è accaduta il 7 ottobre, anniversario di Lepanto, festa della Madonna del Rosario. Forse la bandiera d’Europa, che ha il fondo azzurro e la corona di stelle come dice della Madonna l’Apocalisse, ha qualcosa di profetico. Purché noi ci si converta.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
12/10/2010 - PIU' DI LEPANTO (FRANCESCO BUGINI)

La grande vittoria ottenuta contro il fronte abortista non cade a caso e in un giorno qualunque. Sono convinto che sia la svolta, che sia l'inizio di una nuova fase nella vita dell'Europa, grazie a Farina e ai deputati anti abortisti, il Cielo ve ne renderà merito!

 
11/10/2010 - Lepanto (giorgio alberto crotti)

grazie Renato, buon lavoro, noi dalle retrovie sgraniamo rosari a Maria certezza della nostra speranza.

 
11/10/2010 - Il silenzio degli innocenti. (claudia mazzola)

Ieri al Santuario delle Fontanelle che commozione! C'è una gradinata usata dalla Madonna, si fa in ginocchio in segno di penitenza. Ebbene, ho visto una fiumana di bambini farla con le mani giunte pregando l'Ave Maria. Gli abortisti prendano esempio dalla nostra Speranza che si fa viva nella vita piccina.