BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TV/ Quinta Colonna e Porta a Porta, una “scottatura” estiva per Mediaset e Rai

Con l’arrivo della stagione estiva, l’offerta informativa in televisione subisce un netto calo di ascolti. Secondo YODA, però, di pubblico da attirare ce ne sarebbe

Fotolia Fotolia

Un tempo si usava dire che la tv è lo specchio di un Paese. Oggi è più difficile, visto che le offerte si sono moltiplicate: ma se guardiamo alla tv generalista tradizionale, dovremmo dedurre che l’Italia è un Paese di pensionati e bambini con oltre tre mesi di vacanza e assai scarsi interessi. Se guardiamo infatti all’offerta informativa, a parte i TG sempre più ingessati e uguali a se stessi, chiusi i talk-show di riferimento, ai telespettatori rimangono Porta a Porta e Quinta Colonna. Con ascolti più o meno simili e share che oscillano tra l’11% e il 12%. Non pagano nemmeno i tentativi di scoop, come l’intervista al comandante Schettino, che ha prodotto addirittura uno share di poco inferiore a quello della puntata precedente.

E sì che il pubblico ci sarebbe, visto che le statistiche ci dicono che a causa della crisi la gente rimane in casa per non spendere… Evidentemente i più giovani se ne vanno su internet e sulle tv tematiche, mentre gli altri si devono cuccare palinsesti fatti di repliche e di trite manifestazioni canore. Curioso che i maghi del palinsesto non si rendano conto che la fidelizzazione a una rete è data dalla sua offerta complessiva, almeno per quanto riguarda la tv generalista? Ma visto che d’estate si raccoglie meno pubblicità, si pensa solo a risparmiare…

Quello che è più grave è il risparmio di materia grigia, fatto soprattutto a opera della Rai, che invece percepisce un canone per un servizio pubblico che dovrebbe essere fornito tutto l’anno. Così, in mezzo a melensi melange di celebrazioni di “premi” di ogni genere (la Rai è riuscita ad ammazzarne pure uno prestigioso come lo Strega) a nulla serve la altrettanto melensa e untuosa presenza di Vespa, con il suo solito corredo di ospiti invitati per compiacerli piuttosto che per approfondire alcunché.

In mezzo a tutto questo deserto brillano i servizi veloci e ben fatti di Sky, e primeggia in assoluto La7, con un’idea semplice semplice: presentare un film in grado di far discutere per il suo contenuto di attualità, invitando pochi ospiti di spessore a commentarlo…”poca spesa, molta resa”, dice un vecchio proverbio. E così può pure avvenire che avendo programmato da tempo di mandare in onda Il Divo, a Enrico Mentana sia capitata l’enorme fortuna di veder scoppiare la mattina stessa la questione della legittimità delle intercettazioni del Capo dello Stato con il senatore Mancino.