BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

FIAT/ Fabbrica Italia non partirà senza l’impegno dei sindacati

Incontro importante ieri tra Fiat e sindacati sul progetto Fabbrica Italia, che prevede investimenti per 20 miliardi di euro

Fiat_Catena_MontaggioR400.jpg(Foto)

FIAT - Fabbrica Italia non partirà senza l’impegno dei sindacati - Incontro importante ieri tra Fiat e sindacati sul progetto Fabbrica Italia, che prevede investimenti per 20 miliardi di euro negli stabilimenti del gruppo presenti sul territorio nazionale. L’azienda guidata da Marchionne, al termine dell’incontro, ha diffuso una nota in cui spiega che “Fabbrica Italia non partirà se non ci sarà l’impegno formale delle organizzazioni sindacali ad assumersi precise responsabilità per la riuscita del progetto”. Infatti, prosegue la nota, “l’importanza delle scelte di destinazione dei nuovi modelli e il volume degli investimenti previsti richiedono un elevato livello di garanzia in termini di governabilità degli stabilimenti e di utilizzo degli impianti”. In sintesi, per Fiat “l’avvio del progetto è subordinato all'esistenza di condizioni preliminari che assicurino il quadro di certezze necessario per la sua realizzazione”.

All’incontro era presente anche la Fiom, il sindacato di categoria dei metalmeccanici che fa capo alla Cgil e che si oppone al contratto di Pomigliano d’Arco. Il suo segretario generale, Maurizio Landini, ha spiegato che per Fiat “Pomigliano è un punto di riferimento, mentre noi abbiamo ribadito il nostro interesse a che Fabbrica Italia sia realizzata discutendo di tutto, di flessibilità, di turni e di orari di lavoro, ma senza mettere in discussione il diritto e la libertà delle singole persone”.

Positivo l’incontro secondo Giuseppe Farina, segretario generale della Fim (sindacato di categoria afferente la Cisl) che ha sottolineato il fatto che Fiat “ha confermato che intende restare dentro Confindustria e Federmeccanica e che vuole risolvere i problemi all'interno del sistema contrattuale”.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO