BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CRISI(?)/ Pelanda: ora l’Italia può creare nuovi posti di lavoro

Operaio_Tornio_ItaliaR400.jpg (Foto)

Ma proprio per questo il primo (deficit zero) sarà più stringente e ridurrà il denaro pubblico che finanzia vecchia e nuova occupazione. I posti di lavoro direttamente o indirettamente finanziati con spesa pubblica nazionale e locale verranno tagliati. O si tiene accettabile la qualità dei servizi pubblici, per esempio la sanità, o si mantengono settori economici e lavori protetti: non ci saranno i soldi per ambedue le spese.

 

La conseguenza è che più persone dovranno trovare lavoro nel mercato competitivo. Ma il nostro modello economico, più socialista che liberista, non favorisce la crescita del mercato stesso. Sarà inevitabile, pertanto, accettare l’idea di più mercato e meno Stato. Capirlo in ritardo produrrà un’ondata di disoccupazione.

 

www.carlopelanda.com

© Riproduzione Riservata.