BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IN AEREO/ Steward si licenzia usando i microfoni e si lancia dagli scivoli d’emergenza

E’ diventato il simbolo del lavoratore esasperato Steven Slater, l’assistente di volo che si è licenziato saltando giù dallo scivolo d’emergenza

jetblue_aereoR400.jpg (Foto)

Steven Slater, l’assistente di volo di JetBlue che è diventato famoso per essersi licenziato in uno dei modi più scandalosi immaginabili – gridando ai passeggeri e saltando giù da uno scivolo d’emergenza – potrebbe diventare il simbolo dell’esasperazione dei lavoratori.

COME NEL FILM «NETWORK» - Almeno da quando il personaggio di fantasia Howard Beale gridava «sono incavolato nero e tutto questo non lo accetterò più» nel film «Network». L’incidente che ha visto come protagonista l’assistente di volo della JetBlue è incominciato con una lite verificatasi dopo l’atterraggio del volo da Pittsburgh a New York il 9 agosto scorso. L’incidente ha riscosso una significativa attenzione dei media in quanto, dopo l’atterraggio, l’assistente di volo Steven Slater ha annunciato attraverso i microfoni dell’aereo che era stato insultato da una passeggera e intendeva licenziarsi. Quindi Slater ha aperto gli scivoli d’emergenza dell’aereo ai cancelli del terminal e si è lanciato fuori attraverso uno di essi.

COLPITO ALLA TESTA - Slater ha sostenuto di avere avuto una discussione con una passeggera sull’utilizzo dello scomparto superiore riservato ai bagagli, uno dei quali aveva colpito Slater ferendolo. Aggiungendo che non appena l’aereo JetBlue ha iniziato il rullaggio per fermarsi, una passeggera si era alzata in piedi per ritirare la sua valigia dalla cappelliera, nonostante le fosse stato detto più volte di rimanere seduta. Non appena la signora ha rimosso la valigia, ha colpito la testa di Slater. Quando le è stato chiesto di scusarsi, la donna avrebbe risposto con una lunga e irripetibile serie di parolacce. Le autorità di polizia dell’aeroporto sono giunte alla conclusione che il racconto iniziale di Slater, relativo alla discussione, era inventato.

LA VERSIONE DEI PASSEGGERI - Il 13 agosto gli investigatori hanno dichiarato che nessuno delle decine di passeggeri interrogati sull’incidente hanno confermato la sua versione. Hilary Baribeau, una studentessa 21enne, ha smentito di essere lei la passeggera coinvolta nella discussione. Rivendicando che l’unico incidente che si ricordava ha riguardato un uomo alcuni sedili dietro di lei, che ha tentato di recuperare la sua valigia in anticipo. E ha aggiunto Baribeau: «Ho visto un assistente di volo alzarsi e dirgli: “Per piacere attenda, fino a che la luce non segnalerà che ci si può alzare”». Un passeggero ha dichiarato invece che Slater attraverso i microfoni dell’aereo si è lasciato andare a delle parolacce, concludendo: «Ho fatto questo lavoro per 20 anni e ora ho finito una volta per tutte».