BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SOTTO LA LENTE/ In un libro i dati del lavoro che cambia

Lavoro_LibroR400.jpg (Foto)

Le evidenze più importanti che emergono nel periodo 2004-2008 sono rappresentate da un forte dinamismo del mercato del lavoro lombardo, che vede crescere i tassi di occupazione e mantiene i tassi di disoccupazione ad un livello “basso”, intorno al 3,4-3,7%. Il confronto dei dati della Lombardia con quelli delle altre regioni-motore dell’economia europea (Baden-Württemberg, Catalogna e Rodano-Alpi) nel medesimo periodo, evidenzia due situazioni: un aumento alla partecipazione al mercato del lavoro (soprattutto per i giovani e la popolazione anziana) con tassi di disoccupazione più elevati, specialmente in Germania e Francia; e, al contrario, una minore partecipazione e minore disoccupazione in Lombardia. Con l’arrivo della recessione internazionale si nota subito un calo drastico dell’occupazione e conseguente innalzamento della disoccupazione che si assesta oggi, intorno al 6-7% sul territorio lombardo. Tuttavia, nello stesso periodo, negli altri paesi europei il livello della disoccupazione si è innalzato ancora di più (in Spagna il tasso ha raggiunto il 20%).

 

Le analisi presentate nel volume, entrando nel dettaglio della storia lavorativa di milioni di persone, consentono da una parte di migliorare la conoscenza dei fenomeni in atto, e dall’altra di contribuire a creare strumenti di supporto per la definizione di politiche di intervento. Gli approcci proposti nel volume sono in tal senso un contributo a oltrepassare il limite delle politiche generaliste, troppo spesso farraginose e inefficaci, ed arrivare a politiche rivolte a target specifici.

 

È quest’ultimo aspetto certamente presente nel modello delle politiche adottate negli ultimi anni dalla Regione Lombardia, noto come “dote lavoro”: un modello nato da una concezione di servizio pubblico incentrato sulla persona o, in altri termini, sulla valorizzazione del capitale umano. Tale modello viene descritto e analizzato nella parte finale del volume.

 

In occasione dell’uscita del libro, martedì 14 dicembre, presso l’Università Bicocca di Milano, si terrà il convegno (clicca qui per maggiori dettagli) “Il lavoro che cambia. Quali prospettive per lo sviluppo di un moderno mercato del lavoro?” a cui interverranno: Gianni Corrao, Preside della Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università degli Studi di Milano Bicocca; Mario Mezzanzanica, Direttore Scientifico CRISP e Professore associato di Sistemi informativi presso l'Università degli Studi di Milano Bicocca; Pier Antonio Varesi, Professore ordinario di Diritto del lavoro presso la Facoltà di Economia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza; Gianroberto Costa, Segretario Generale Unione Confcommercio Imprese per l’Italia, Milano Monza e Brianza; Giorgio Vittadini, Presidente Fondazione per la Sussidiarietà e Professore ordinario di Statistica Metodologica presso l'Università degli Studi di Milano Bicocca; Gigi Petteni, Segretario Generale CISL Lombardia; Gianni Rossoni, Assessore Istruzione Formazione e Lavoro della Regione Lombardia; Marco Biscella, Vice Caporedattore de Il Sole 24 Ore del lunedì.

© Riproduzione Riservata.