BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LETTERA/ Il lavoro in Polonia, dove il posto fisso non è un’ossessione

Il mercato del lavoro polacco, spiega DOMIZIANO PONTONE presenta una situazione diametralmente opposta rispetto a quella italiana

Foto Ansa Foto Ansa

Il mercato del lavoro polacco presenta una situazione diametralmente opposta rispetto a quella italiana. Nonostante si tratti di un Paese proveniente dal blocco del Patto di Varsavia, dunque tendente a una forte burocratizzazione per vocazione ed eredità culturale, a differenza del vorticoso groviglio di contratti collettivi nazionali presenti in Italia, offre due principali contratti: il labour contract (umowa praca) e il civil contract (umowa zlecenie). Il primo è utilizzato abitualmente per tutte le posizioni presenti in qualsiasi tipo di azienda, senza distinzioni connesse al settore di appartenenza, il secondo è fondamentalmente legato alla GDO (specie per gli studenti), ai call center e a poche funzioni che rivestano carattere di saltuarietà nel corso della vita aziendale.

Per quanto concerne il contratto standard, quello di lavoro, esiste solo un minimo garantito, indicizzato ogni anno in base all’incidenza inflattiva (per il 2010, ad esempio, si tratta di 1317 zloty lordi, considerando uno euro scambiato a poco meno di 4 zloty), mentre per il resto la contrattazione è libera e lasciata alla legge della domanda e dell’offerta, senza nessuna suddivisione per “livelli”. Non esistono peraltro, di conseguenza, i concetti di “quadro” e di “dirigenza”. Così come parimenti non esiste il TFR, mentre l’idea della tredicesima e della quattordicesima sono principalmente legate a una contrattazione interna.

La vita contrattuale - non parliamo qui del lavoro temporaneo - generalmente ha il seguente percorso: un primo contratto “di prova” inferiore ai tre mesi (con possibilità di rescissione reciproca con una settimana di preavviso), in seguito fino a un massimo di due contratti a tempo determinato (tendenzialmente non superiori a due anni) con la possibilità di rescissione da ambo le parti con una settimana di preavviso, a meno che non venga condiviso per scritto un preavviso differente. Per i contratti a tempo indeterminato, in base dal periodo di interruzione del contratto, si va da 1 settimana a 3 mesi di preavviso. Chiunque sia assunto a tempo indeterminato può essere licenziato, purché venga specificata la motivazione.

Da questi pochi dati appena riferiti si percepisce come il mercato del lavoro polacco viva in una situazione assolutamente liquida. Specie nel paragone con l’Italia, laddove sotto il Tricolore il posto fisso è visto come il Posto Fisso, in Polonia questa percezione è definitivamente sformata da un diritto del lavoro e da opportunità di collocamento assai differenti. Nel Paese di Tusk, infatti, cambiare lavoro e trovarne uno nuovo non rappresenta un soverchio problema e sovente una minima differenza economica (i salari crescono velocemente) fa abbandonare un impiego per un altro. Non solo, va sottolineato come manchi anzitutto una cultura della fedeltà aziendale e creare un team di lavoro “attaccato alla maglia” e aderente a un progetto è la vera sfida per il manager che svolga le proprie mansioni in Polonia.