BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

REFERENDUM FIAT/ Cgil: autoritarismo non è soluzione. In direttivo applausi per la Fiom

Il direttivo Cgil approva un documento su Mirafiori: ora battaglia per la rappresentanza.

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

È la giornata della vittoria dei "sì", ma la Fiom esce dal referendum a testa alta. E la Cgil cerca di ritrovarsi unita almeno nell'analisi dei risultati. «L’esito del referendum dimostra che con l’autoritarismo non si risolvono le questioni della condivisione delle scelte e il consenso per un governo dei difficili processi che la crisi e la globalizzazione impongono», si legge nel documento conclusivo del direttivo di oggi. Approvato con 98 voti favorevoli su 114.

La giornata a Corso Italia era iniziata con un faccia a faccia fra il segretario del sindacato Susanna Camusso e il leader Fiom Maurizio Landini. Un incontro «cordiale», dicono dalla confederazione, durato più di un'ora. poi la riunione del direttivo, per fare il bilancio della battaglia referendaria a Mirafiori.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO SUL DIRETTIVO CGIL CLICCANDO SULLA FRECCIA