BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Sacconi: ecco come Mirafiori cambia il "lavoro" di sindacati e politica

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Perché questa è la volontà delle parti sociali. C’è un documento congiunto sottoscritto da tutte le organizzazioni con il Governo, nel quale le parti si impegnano a individuare linee comuni per lo sviluppo della partecipazione ed eventualmente se lo ritengono (e sinora non l’hanno ritenuto) a sollecitare anche i contenuti legislativi necessari. Anche in questo caso, come in quello della rappresentanza, vale la sussidiarietà nei confronti delle parti sociali. Perché dovremmo legifare a dispetto delle parti sociali, che al contrario chiedono di poter procedere in un dialogo tra di loro nello sviluppo di buone pratiche, impegnandosi a evidenziare e segnalare la necessità di interventi legislativi? Noi abbiamo redatto un codice della partecipazione, riunendo tutto ciò che norme e contratti hanno definito in questa materia, e lo abbiamo messo a disposizione delle parti sociali per lo sviluppo della partecipazione, a partire da quella ai risultati dell’impresa, agli stessi utili dell’impresa.

 

Lei ha anche parlato di fine del compromesso bassa produttività basso salario. Ora che la produttività aumenta, è possibile favorire la crescita dei salari con altre detassazioni?

 

In questo momento c’è già una detassazione di tutte le componenti del salario (straordinari, indennità, premi) che sono conseguenti a un accordo tra parti sulla maggiore produttività. Abbiamo anche alzato per il 2011 la soglia di reddito portandola a 40.000 euro. In questo modo, verranno di fatto compresi tutti gli operai e la gran parte degli impiegati.

 

Negli ultimi mesi si è detto che il Governo, oltre al caso specifico di Fiat, è stato assente anche nell’individuazione di una politica industriale per il paese. Come risponde a queste critiche?

 

A volte si è detto che siamo stati assenti e a volte, da parte degli stessi critici, si è detto che siamo stati troppo presenti, tanto da architettare e favorire la divisione tra le organizzazioni sindacali. La verità è che da un lato il sistema delle relazioni industriali deve essere realmente rispettato nella sua autonomia e quindi il Governo deve mantenere un atteggiamento di rispettosa sussidiarietà, dall’altro lato la cosiddetta politica industriale, come è stato più volte spiegato, non può consistere in una sorta di logica pianificatoria pubblica, che sarebbe davvero antistorica. Se, invece, si vuol dire che la mobilità sostenibile costituisce una prospettiva importante per il nostro futuro, vorrei ricordare che a questo si dedica il ministero dello Sviluppo economico, che esiste un tavolo negoziale dedicato e che recentemente sono stati varati piani di finanziamento per prodotti collegati alla mobilità sostenibile. Esiste quindi una politica pubblica per l’innovazione in questo settore. In ogni caso, è bene ricordare cosa significa realmente politica industriale.

 

Cosa intende dire?


COMMENTI
25/01/2011 - RAPINATORI (Mariano Belli)

Spero che nessuno creda più a questo "signore". Io e molti dei miei colleghi telefonici nel luglio scorso siamo stati scippati, grazie ad una leggina (122/2010) sua e dei suoi degni compari, di tutte le contribuzioni pensionistiche maturate fino al 2000 : ex fondo speciale telefonici, poi soppresso da D'Alema e trasformato in gestione separata....ora da luglio 2010 non possiamo più nemmeno usufruire dei contributi versati....per me 15 anni di contributi spariti nel nulla insieme alla futura pensione!!!. La rabbia è tanta, e di tanti, e non basterà certo questo commentino a sbollirla....questo è solo l'inizio della controffensiva....) Io sono in CL da più di 20 anni, e mai votato a sinistra....scrivo perchè tutti apriate gli occhi su quale razza di sacc...heggio questi "signori" al governo stanno perpretando ai nostri danni, ai danni di onesti lavoratori, padri di famiglia e dei loro figli (quindi, di molti di voi che leggete). Abbiamo solo un'arma, ma potente : parlarne e far sapere chi sono. Mi assumo ogni responsabilità di quanto asserisco (anzi, spero che qualcuno mi denunci, purtroppo non lo farà...) Grazie per l'attenzione