BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

INDAGINE/ Minimo storico per la fiducia dei lavoratori italiani

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Nell’ambito del forte calo generalizzato di fiducia che ha riguardato tutte le categorie, compresi diplomati e operai, i meno “pessimisti” restano i dirigenti (36 punti), i lavoratori della grande impresa (35 punti) e i laureati (33 punti).

Nel clima generale di sfiducia riemerso negli ultimi mesi, sembra che gli italiani continuino, però, a credere nelle capacità della propria azienda di affrontare positivamente la difficile fase attuale: il valore più alto della rilevazione, infatti, è relativo alla fiducia nella situazione economico-finanziaria attuale dell’impresa (51 punti). Viceversa, il valore più basso della rilevazione riguarda la capacità del Governo di migliorare la situazione del mercato del lavoro (10 punti).

L’Indice di Fiducia dei lavoratori dipendenti italiani è una rilevazione statistica nazionale semestrale basata su 3.700 lavoratori dipendenti rappresentativi di tutte le categorie professionali e sull’intero territorio italiano. Sono diplomati (36%) e laureati (31%) e appartenenti a una fascia d’età compresa per lo più tra i 41 e i 50 anni (37%) e nella fascia 31-40 anni (42%). L’indice Gi Group di Fiducia dei Lavoratori è aperto ad altri contributi e basta collegarsi al sito www.indicedifiducia.it. Alla fine delle compilazione del questionario è possibile confrontare il proprio indice di fiducia con quello generale.

© Riproduzione Riservata.