BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

MAXIEMENDAMENTO/ L'esperto: vi spiego cosa cambia per il lavoro di giovani e donne

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Rispetto alla logica che sottende alla misure nel suo complesso, Solari è dubbioso: «l’emendamento è stato scritto sotto pesanti pressioni. Manca, di conseguenza, una strategia complessiva per la crescita. Del resto, è cinquant’anni che l’Italia è priva di una politica economica industriale, salvo, forse, quella di Stato;  è del tutto assente, inoltre, una chiara articolazione del rapporto tra i sacrifici che i cittadini dovranno compiere e come i risultati di quei sacrifici saranno convertiti».  Ovvero: «La priorità - concude Solari - è il contenimento della spesa, e parte significativa degli interventi e delle entrate (o delle minori spesse) dovranno servire a tranquillizzare i mercati sul nostro debito. Ma, se si ricava “100” da un’operazione che ricade sul cittadino, può star bene che “60” venga investito per la copertura del debito; ma il “40” per cento deve essere vincolato ad un ottica strategica e di crescita». 

© Riproduzione Riservata.