BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PENSIONI/ Cazzola: il “pro rata contributivo”? Vi spiego cos’è e perché va adottato

Foto AnsaFoto Ansa

La Fornero ha un altro cavallo di battaglia, «che peraltro - per inciso - condivido, avendo presentato un disegno di legge analogo nel 2008; si tratta del pensionamento flessibile. Consentirebbe di uscire dal lavoro dai 63 anni ai 70, in modo da unificare il criterio di vecchiaia a quello anzianità. Grazie ai coefficienti di trasformazione si introdurrebbe un meccanismo di disincentivi e incentivi, a seconda che si vada in pensione, rispettivamente, prima o più tardi». La manovra avrebbe un duplice scopo: «Consentirebbe di elevare l’età effettiva di pensionamento mantenendo il principio della volontarietà».  Per quanto riguarda, infine, il mercato del lavoro «credo - conclude Cazzola - che il suo primo obiettivo sarà quello di riformare il sistema degli ammortizzatori sociali. In chiave universalistica, per tutte le categorie lavorative. Tuttavia, il suo problema saranno le risorse». 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/11/2011 - Proposta equa o ennesima fregatura? (Mariano Belli)

Mi trovo abbastanza d'accordo con l'applicazione del metodo contributivo, ma ad una condizione : che valga per TUTTI, ma proprio TUTTI, e quindi che tutti i trattamenti pensionistici già in essere vengano ricalcolati e rivisti sula base dello stesso metodo, altrimenti si creerebbe una discriminazione, una disparità di trattamento tra chi già è andato e tra chi andrà in pensione. Contro questa disparità, il giorno in cui mi sarà concessa la pensione, farei sicuramente ricorso nelle aule dei tribunali, cosa che spero facciano in molti.... Il discordo dei "diritti acquisiti" non regge in alcun modo, ovvero è una balla che ci raccontano : è pieno di esempi di "diritti acquisiti" che sono stati cancellati da nuove leggi, e si può sempre fare una legge che cambia le precedenti, o al limite imporre una tassa equivalente alla differenza di importo percepito. Perciò, dal 1.1.2012 contributivo per TUTTI, salva ovviamente l'integrazione al minimo per chi è sotto la soglia, altrimenti è l'ennesima fregatura che vogliono propinarci. Le chiacchiere però stanno a zero, vedremo i fatti.