BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENSIONI/ Età, anzianità (anticipata), contributi, donne, inflazione, sistema pro-rata: le novità della manovra (scheda)

Il Consiglio dei ministri ha varato la nuova manovra finanziaria da 24 miliardi di euro. Alcuni provvedimenti, come era previsto, riguardano le pensioni

Foto Ansa Foto Ansa

Il Consiglio dei ministri ha varato la nuova manovra finanziaria da oltre 30 miliardi di euro. Alcuni provvedimenti, come era previsto, riguardano le pensioni. Vediamo cosa cambierà. Innanzitutto sono state abolite le finestre mobili, introdotte dal governo Berlusconi, che sostanzialmente rinviavano l’erogazione della pensione (12 mesi per i lavoratori dipendenti e 18 mesi per quelli autonomi) rispetto al termine dell’attività lavorativa. Tuttavia la dilazione resterà vigente e verrà “assorbita” dall’aumento dell’età pensionabile che per gli uomini diventa quindi di 66 anni già nel 2012 (66 anni e mezzo per i lavoratori autonomi). Ci sarà un anticipo dell’aumento dell’età pensionabile per le donne del settore privato, che diventerà di 62 anni già dal 2012. Il pareggio con l’età pensionabile degli uomini avverrà nel 2018, quando si arriverà a 66 anni.

Ci sarà poi un sistema flessibile per l’uscita dal lavoro con incentivi per chi lo farà più tardi e penalizzazioni per chi lo farà prima. Per le donne la “forchetta” sarà tra i 62 e i 70 anni, mentre per gli uomini sarà tra i 66 e i 70 anni. Sempre dall’anno prossimo, come ampiamente previsto, ci sarà il passaggio al sistema contributivo per tutti i lavoratori, compresi quindi quelli che ancora godevano del sistema retributivo dopo la riforma Dini del 1996. Per loro il sistema contributivo sarà pro-rata, quindi conterà solamente dal 2012 fino alla data di pensionamento, mentre per gli anni precedenti il conteggio sarà basato sul sistema retributivo.

Ci saranno dei cambiamenti anche per quel che riguarda le pensioni di anzianità, che cambiano nome. Si chiameranno pensioni anticipate. Non ci sarà un sistema quote (si era parlato nei giorni scorsi di “quota 100”, cifra che si doveva raggiungere sommando l’età anagrafica con gli anni di contributi versati), ma già dal 2012 non basteranno più 40 anni di contributi.

Dal 2012 ci vorranno infatti 42 anni e un mese di contributi (41 anni e un mese per le donne), che diventeranno 42 anni e due mesi (41 anni e due mesi per le donne) nel 2013 e 42 anni e tre mesi (41 anni e tre mesi per le donne) nel 2014. Per chi andrà in pensione anticipata prima dei 63 anni, ci sarà una penalizzazione del 3% per ogni anno mancante ai 63.

Per i lavoratori autonomi, a tali requisiti bisognerà aggiungere sei mesi (tempo pari alla differenza che esisteva con la finestra mobile dei lavoratori dipendenti). Per i lavoratori autonomi ci sarà anche un aumento delle aliquote contributive.