BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Il welfare dei sussidi crea solo disoccupati

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Nel 2003, con il pacchetto costituito dalla l. n. 30/2003 e dal d.lgs. n. 276/2003, l’evoluzione normativa riguardante il mercato del lavoro trova il suo compimentoCon la riforma ideata dal giuslavorista Marco Biagi non si altera l’impianto organizzativo dei servizi per l’impiego pubblico, ma vengono finalmente poste le condizioni per creare un mercato aperto ai privati. Il “quasi mercato” dei servizi al lavoro trova poi in talune legislazioni regionali un’ulteriore ragione di apertura laddove vengono funzionalmente equiparati i centri per l’impiego e le agenzie per il lavoro private, con la sola eccezione dell’accertamento dello stato di disoccupazione che resta appannaggio esclusivo dei centri per l’impiego pubblici.

Coerentemente con quanto è osservabile nelle realtà europee interessate già da tempo dal processo di apertura del mercato dell’intermediazione, anche nel nostro Paese è auspicabile che il rapporto tra pubblico e privato si vada configurando in termini più che concorrenziali di complementarietà delle rispettive funzioni e azioni. Tuttavia il nostro sistema, incentrato sull’autorizzazione e sull’accreditamento, non è ancora maturo per assicurare il coordinamento generale tra tutti i soggetti che operano nel mercato. E, invero, ancor oggi a livello territoriale si assiste a una sostanziale dialettica tra soggetti pubblici e privati e il loro rapporto tende ancora a delinearsi in termini concorrenziali.

La vera partita non si gioca sulla reciproca erosione di funzioni e compiti, piuttosto in una vera partnership in cui si individuano le aree di collaborazione, le sinergie e i principi per coniugare responsabilità ed esigenze di mercato. Occorre, pertanto, riconsiderare il ruolo e i compiti di ciascun attore: le Agenzie per il lavoro private da un lato, quali Centri servizi integrati e partner strategico per la competitività delle imprese; i soggetti pubblici, dall’altro, quali titolari dei dati conoscitivi e di talune funzioni essenziali in una prospettiva di miglioramento continuo dei servizi al lavoro. Maggior coinvolgimento della società e dei privati non significa arretramento del pubblico, ma miglior definizione di limiti e ruoli: oggi non si può più avere la pretesa assolutista di costruire dall’alto il presunto benessere generale, ma si può e si deve favorire la nascita dal basso di un welfare plurale, espressione di una funzione sociale diffusa, fondato sulla corresponsabilità di tutti.

 

(Alessandro Venturi, Università degli studi di Pavia)

© Riproduzione Riservata.