BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LAVORO/ Così la flessibilità aiuta la crescita

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Il pensiero flessibile, quale capacità di pensare utilizzando tutti gli strumenti cognitivi a disposizione della persona, ricorrendo a categorie diverse in funzione degli interlocutori e delle situazioni, determina la soluzione dei problemi complessi, ovvero quelli caratterizzati da un insieme di fatti e informazioni apparentemente non correlati tra loro e che richiedono l’applicazione degli strumenti logici e di analisi critica, ma anche intuitivi ed emotivi per la gestione efficace della complessità relazionale. Il pensiero flessibile rappresenta il vero link tra il capitale umano e il capitale finanziario, in quanto mostra la capacità di realizzare prodotti o servizi da idee e processi, generando valore per l’impresa. (cfr. F. Sansone, Il Pensiero flessibile, Franco Angeli, 2008, II edizione).

Il cambiamento organizzativo proposto dalla flessibilità innovativa implica una riunificazione dei diversi compiti in attività integrate per meglio soddisfare le differenziate esigenze degli utenti dei servizi e dei clienti; non è quindi un’innovazione di una struttura organizzativa data utilizzando nuove tecnologie e neppure una ristrutturazione organizzativa volta a perseguire maggiore flessibilità senza modificare lo schema preesistente. Le strategie di sviluppo e crescita delle imprese saranno pertanto diverse in relazione ai modelli organizzativi della produzione.

Nelle imprese con un modello di produzione rigido e con una struttura fortemente gerarchizzata, l’impegno primario sarà quello di realizzare nuovi investimenti in modo tale da innovare l’impresa dal punto di vista tecnologico, in modo tale da risparmiare lavoro trascurando in parte la ricerca di nuovi metodi organizzativi e sistemi partecipativi delle risorse umane. Queste imprese perseguono in primo luogo, l’aumento della capacità di controllo del management sui dipendenti piuttosto che modalità strutturate e bi-direzionali di coinvolgimento.