BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Un welfare privato e su misura

Foto FotoliaFoto Fotolia

Ma facciamo un passo indietro. Per affrontare il tema del welfare aziendale è opportuno chiarire di cosa si tratti. Ma proprio partendo da questo punto scopriamo una cosa interessante: non esiste un concetto condiviso di welfare aziendale, ma soltanto alcune caratteristiche comuni. Il welfare aziendale è stato definito come “concetto che descrive il ruolo assunto dall’azienda nel garantire e sostenere i diritti individuali dei lavoratori andando a intervenire in ambiti solitamente del welfare pubblico - pensionistico, sanitario, del lavoro, dell’assistenza sociale - al fine di migliorare le condizioni di vita e di lavoro delle persone” (Riccò, Gilardi, Solari IX Conferenza internazionale in ricordo di Marco Biagi).

Ma c’è una visione alternativa: il welfare come l’insieme delle “iniziative nelle quali le imprese si fanno carico dei bisogni primari del lavoratore concedendo dei benefit non in denaro, bensì di prima necessità e in servizi. I piani di welfare, quindi, rispondono ad una funzione di integrazione sussidiaria alle esigenze di varia natura dei lavoratori e/o della loro famiglia, grazie alla messa a disposizione di risorse private aziendali” (Adapt, Ronca 2/3/11).

C’è poi una visione che contestualizza il welfare aziendale come “ruolo delle aziende nell’amministrare i diritti di cittadinanza individuali” in modo particolare i diritti sociali (Matten D.; Crane A. 2003).

C’è però una caratteristica comune: le imprese, mettendo a disposizione risorse private aziendali, assumono un ruolo di integrazione sussidiaria rispetto alle esigenze di varia natura dei lavoratori e della loro famiglia, garantendo e sostenendo i loro diritti individuali attraverso interventi in ambiti solitamente coperti dal welfare pubblico (pensionistico, sanitario, assistenza sociale).

Gli studi retributivi su questi aspetti dimostrano che le prestazioni non monetarie crescono in modo significativo a tutti i livelli dell’organizzazione e che, quindi, questo è un trend sempre più consolidato.

 

(Simonetta Cavasin, Od&M Consulting)

© Riproduzione Riservata.