BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

LAVORO/ La proposta Cgil per riformare la contrattazione

Il Direttivo nazionale della Cgil, riunitosi nella serata di mercoledì 11 maggio, ha approvato un documento contenente delle proposte sulle nuove regole per la contrattazione

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Il Direttivo nazionale della Cgil, riunitosi nella serata di mercoledì 11 maggio, ha approvato un documento contenente delle proposte sulle nuove regole per la contrattazione e per una sua generale ridefinizione. Il documento è stato approvato con 77 voti favorevoli, 19 contrari e 3 astenuti.

L’Italia, scrive la Cgil nel documento “non cresce a sufficienza per garantire la sostenibilità del debito pubblico, la buona occupazione, un welfare universale e inclusivo oltre che un reddito, da lavoro e da pensione, sufficiente ad assicurare un’esistenza dignitosa”. Dunque, “per conquistare e diffondere un welfare omogeneo nel Paese occorre allargare e rafforzare la contrattazione sociale territoriale verso le Regioni e le autonomie locali”.

La Cgil propone quindi “un accordo tra le parti sociali per lo sviluppo economico e il miglioramento sociale. Tale accordo poggia su una convinzione di fondo: non esiste crescita economica quantitativa che non sia anche crescita qualitativa e miglioramento sociale generale del Paese. In questo contesto la Cgil è interessata e disponibile a dar vita a una nuova intesa sulla struttura della contrattazione collettiva e alla contemporanea definizione di regole e diritti certi per la rappresentanza sindacale e la democrazia”. In particolare, il sindacato guidato da Susanna Camusso, ritiene che “vada superato il rischio di un’ulteriore frammentazione del sistema produttivo e del mondo del lavoro insito nella pratica della derogabilità dei Ccnl”.