BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Le famiglie devono sapere con quali studi si entra in azienda

In Italia la quota dei Neet sul totale della popolazione 15-29 anni era più elevata degli altri paesi europei, per questo occorrono degli interventi anche nell’orientamento dei giovani

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Tutti i paesi Ocse stanno vivendo rapidi cambiamenti sociali ed economici che rendono la transizione alla vita lavorativa più incerta per i più giovani. La transizione dalla scuola al lavoro è un processo complesso che dipende sia dal livello e dal tipo di percorso scolastico frequentato, sia dalle condizioni generali del mercato del lavoro.

Un segnale di difficoltà crescente per l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro è l’aumento dei cosiddetti Neet (“Not in Education, Employment or Training”), giovani che non lavorano, o intendono lavorare, né sono coinvolti in attività di studio o formazione.

In Italia la quota dei Neet sul totale della popolazione 15-29 anni era più elevata degli altri paesi europei anche prima della crisi e l’incremento tra il 2008 e il 2010 è stato maggiore della media europea. Secondo l’ultimo rapporto annuale Istat nel 2010, i Neet sono oltre 2,1 milioni, 134 mila in più rispetto a un anno prima e rappresentano il 22,1% della popolazione nella stessa fascia di età (20,5% nel 2009). Il confronto europeo mette in luce come la quota dei Neet in Italia sia di 6 punti superiore alla media Ue. L’incidenza dei Neet nel Mezzogiorno arriva al 30,3% rispetto al 15% del centro-nord, anche se il fenomeno si sia è maggiormente nel centro-nord in corrispondenza della crisi.

Per questi giovani diventa fondamentale un supporto all’inserimento lavorativo attraverso interventi di formazione professionale di qualificazione collegati direttamente ai fabbisogni lavorativi territoriali e assistenza nella ricerca del lavoro, con particolare riferimento a coloro che non perseguono percorsi di studio universitari oppure che hanno lauree poco spendibili nel mercato del lavoro.

Ciò rappresenta comunque un intervento di corto respiro. Se si vuole ridurre il fenomeno nel lungo periodo bisogna agire sui due fattori che lo alimentano: la mancanza di un unico contratto di inserimento e la scarsità di informazione orientativa e di collegamento tra i percorsi di studi e il mondo del lavoro.

Nonostante molti aspetti legati al fenomeno dei Neet affondino le radici in motivazioni socio-economiche, tra le politiche attivabili per contrastarlo vi è il superamento dell’attuale divario tra forme contrattuali da un lato estremamente precarie, volatili e prive di protezioni sociali e dall’altro contratti strettamente regolati che danno garanzia e protezione.