BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

P.A./ Il sindacalista: strisciare il badge per fumare? Renzi impari dalla Lombardia

Fotolia Fotolia

Ma, solo dal confronto delle parti può nascere un percorso che consenta di mettere in campo azioni virtuose». L’idea del sindaco, secondo Marini, è tutt’altro che azzeccata: «Tutte le azioni impositive diventano difficili da praticare. Come quelle del ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, che vuol fare la riforma a prescindere dai tre milioni di dipendenti pubblici. Una riforma che ha elementi positivi, certo, come quello della trasparenza e della necessità di recuperare efficacia, ma che non contempla il fatto che non si possano fare leggi a prescindere o contro i lavoratori impegnati».

Il contrario di quanto accade in Lombardia: «Nella sanità lombarda, ad esempio, al contrario della visione del lavoro che sta suggerendo Renzi, si è instaurato un sistema di relazioni sindacali che ha costruito un percorso costruttivo. Questo per dire che le norme servono, certo. Ma il fattore decisivo sono gli attori in campo e la loro volontà di costruire un percorso virtuoso. Il fattore umano, insieme alla dotazione strumentale tecnologica – conclude -, è l’elemento fondamentale della p.a. Non si possono, quindi, trovare percorsi innovativi ignorando un tale fattore». 

© Riproduzione Riservata.