BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MUTUI/ Accordo Ministero della Gioventù e Abi per le giovani coppie

Una serie di accordi tra ministero della gioventù e Abi a sostegno delle giovani coppie, degli studenti universitari e delle donne in gravidanza. Mutui speciali e agevolati

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Da domani primo settembre agevolazione per le giovani coppie che abbiano contratti di lavoro non a tempo indeterminato. E' una iniziativa a sostegno non solo dell'istituto matrimoniale, ma anche per l'inserimento dei giovani nella vita sociale attiva. Così lo ha definito il ministro della Gioventù Giorgia Meloni che ha ideato l'iniziativa. Il ministero ha dunque sottoscritto un accordo con Abi (Associazione bancaria italiana) che permetterà ai richiedenti di avere accesso a mutui agevolati per l'acquisto della prima casa. Si tratta di un fondo di garanzia parti a 50 milioni di euro gestito da Consap. Il fondo permette a banche e intermediari finanziari garanzie a prima richiesta di copertura per cifre non superiori ai 75mila euro. La cifra viene a costituirsi con il 50% della  quota capitale dei mutui ammissibili, degli interessi contrattuali calcolati in misura non superiore al tasso legale e dei costi di recupero non superiori al 5% del capitale residuo. Ci sono poi dettagli che definiscono maggiormente il tipo di mutuo agevolato. Per essere ammessi alla garanzia del fondo il mutuo non deve essere superiore ai 200mila euro per una abitazione principale e non deve rientrare nella categoria abitazione di lusso. Le coppie devono essere coniugate o comunque costituire un nucleo familiare con un solo genitore con figli minori, avere una età inferiore a 35 anni, un reddito Isee non superiore ai 35mila euro. All'iniziativa ha già aderito il 40% delle banche ma secondo il presidente dell'ABI Mussari, il numero è destinato a crescere. Non solo. Il ministero e l'ABI hanno messo in piedi un'altra iniziativa per aiutare i giovani, in questo caso destinata agli studenti universitari per avere credito agevolato per pagare gli studi. Si chiama "Diritto al futuro" l'iniziativa e comprende anche lo studio di una lingua straniera o un dottorato o un master. Anche qui il fondo è gestito da Consap con una garanzia a copertura del 70% del finanziamento richiesto, degli interessi contrattuali calcolati in misura superiore al tasso legale e di mora e dei costi di recupero. I finanziamenti relativi a corsi o master sono cumulabili per un massimo di 25mila euro concessi in rate annuali di importo non inferiore ai 3000 e non superiori ai 5mila euro. Gli studenti richiedenti devono avere una età compresa fra i 18 e i 40 anni. Infine il ministro Meloni ha dato vita a un accordo con l'Inps per un fondo di 51 milioni di euro per incentivare assunzioni di giovani genitori disoccupati, precari e sostenere giovani donne costrette a lasciare il lavoro per la gravidanza. Il fondo riconoscerà una dote di 5mila euro ai datori di lavoro che assumono donne  con contratto a tempo indeterminato, anche a tempo parziale.