BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

QUALCOSA DI SINISTRA/ Perchè il teorema Marchionne non risolve più i guai di Fiat?

Sergio Marchionne (Foto Imagoeconomica)Sergio Marchionne (Foto Imagoeconomica)

Fin qui Abete, anche se come lui la pensano in molti, e non si tratta di stalinisti. Quanto alla Cgil, non accenna a fare sconti: “Quella norma è anticostituzionale e la porteremo alla Consulta”, ha promesso la Camusso. E almeno questo genere di promesse, il sindacato di solito le mantiene.

Insomma, un brutto autunno si profila per la Fiat. Sulla scia di un’estate fredda: mentre il mercato europeo a giugno è calato dell’8,1% sul 2010 e a luglio dell’1,9%, ad agosto le immatricolazioni sono ripartite: +7,8%. In casa Fiat, invece, ai pessimi giugno e luglio (dove la perdita è stata ben più forte della media europea, con il 9,9%) il segno meno si è rivisto anche ad agosto, -7,6%. E le quote di mercato sono piombate al 7,2% a luglio e addirittura al 5,8% ad agosto.

Queste sono le cifre che contano e, purtroppo, parlano da sole. Il Lingotto ricorda i prossimi lanci dei nuovi modelli: la nuova Panda, appunto, appena presentata a Francoforte, e le Lancia Thema e Voyager (Chrysler travestite). Auguri davvero, cioè auguri a tutti noi.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/09/2011 - marchionne rispetti i patti (francesco taddei)

finalmente si può dubitare di marchionne in libertà. io dubiterei anche dell'operato del governo visto che nel piano "fabbrica italia" molti stabilimenti vengono chiusi. (solo in italia non si protegge l'interesse nazionale, anzi guai a chi lo fa!). adesso marchionne riceverà il giudizio di coloro che gli danno la busta paga: verrà semplicemente valutato in base ai risultati.