BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ 2. Gli errori di tecnici e politici che frenano il lavoro

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Una condizione perché questa dinamica non sia a senso unico, sarà una profonda revisione degli ammortizzatori sociali che dovranno seguire le linee del rapporto Supiot e coprire le fasi di reinvestimento in competenze professionali dei lavoratori usciti dal mercato, più che cercare di far sopravvivere a prezzo della collettività imprese decotte e prive di valore. Se il lavoro deve assorbire più rischio, è ora che si decida che anche in Italia l’impresa è associata al rischio e non deve essere tutelata di per sé come accade con le normative medievali che proteggono ordini, commercio, taxi, ecc.

Chissà se questi cambiamenti potranno avere effetti anche sulla struttura gerontocratica di un Paese che dà potere (e ascolta, detto da tecnico relativamente maturo) solo gli ultrasessantenni che in molti paesi si godono un buen ritiro anticipato grazie a forme di integrazione previdenziale a scelta individuale!

© Riproduzione Riservata.