BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PROPOSTA/ Santini (Cisl): tasse, lavoro e pensioni. Ecco cosa dovrebbe fare Monti

Angeletti, Bonanni e Camusso (Foto InfoPhoto)Angeletti, Bonanni e Camusso (Foto InfoPhoto)

Chiediamo inoltre che ci sia un sistema di tutele nuovo, moderno e  strettamente collegato alle politiche attive del lavoro per la riqualificazione dell’impiego, che permetta anche di offrire a tutti i lavoratori che incontrano difficoltà un sostegno al reddito.

Prima parlava anche di una riforma della previdenza. Di che si tratta?

Con il cambio delle regole previdenziali e l’allungamento dell’età di accesso alla pensione, ci sono tantissimi lavoratori che si trovano in una situazione paradossale: hanno perso il lavoro e gli ammortizzatori sociali erano utili solamente per il periodo che serviva ad arrivare alla pensione, ma visto che questo periodo è stato allungato non sono neanche possibili pensionati. Chiediamo quindi che si trovi al più presto una soluzione per questi lavoratori, presenti in ogni settore, che avevano fatto i loro accordi aziendali pensando che l’età pensionabile fosse quella che c’era prima.

Quali sono invece le vostre proposte riguardo le liberalizzazioni?

Siamo d’accordo con questo intervento del governo come elemento di dinamicità dell’economia, di apertura di nuove iniziative imprenditoriali e occupazionali, di riduzione dei costi e quindi anche di miglioramento dei servizi. Naturalmente, come avviene in tutti i paesi europei, devono esserci delle regole precise, e in particolare chiediamo che la proprietà delle reti idriche, dei trasporti, ferroviarie e del gas rimanga nelle mani pubbliche, e che la liberalizzazione riguardi solamente la gestione del servizio. C’è poi un grande bisogno di regole che possano far rispettare i contratti collettivi di lavoro, perché non è pensabile, prendendo come esempio un caso di cui si sta molto parlando nelle ultime settimane, che la liberalizzazione degli esercizi commerciali comporti che non ci sia più nessun vincolo di orario di lavoro. Ci auguriamo quindi che ci sia quindi presto un incontro con il governo, da cui aspettiamo presto una convocazione.     

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.