BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BLOCCO STATALI/ Pirani (Uil): per i dipendenti pubblici un danno da 6mila euro e la "beffa" sulla pensione

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

«Al di là delle cifre, comunque certamente significative - continua a spiegare Pirani - l’aspetto davvero stupefacente è che il governo, bloccando contratti e retribuzioni, ha scelto di rinunciare a ogni politica meritocratica all’interno della Pubblica amministrazione, in un’ottica rivolta solamente alla riduzione dei costi». Quanto stabilito dall’esecutivo inciderà negativamente anche sulle pensioni dei dipendenti pubblici: «Con il passaggio al sistema contributivo, essendo bloccate le retribuzioni per molti anni, semplicemente avverranno minori versamenti per le pensioni», spiega Pirani, che poi aggiunge: «Come sindacato ci muoveremo essenzialmente su tre piani: il primo riguarda un’iniziativa immediata che dovrà essere valutata dalle categorie coinvolte. Oltre a questo, interverremo sulla dinamica parlamentare nel tentativo di modificare gli aspetti più ingiusti di questa manovra e, più in generale, credo sia necessario riprendere e modificare il prima possibile il blocco dei contratti e delle retribuzioni. Si tratta di un problema strategico che probabilmente non potrà essere risolto da questo governo e che dovrà dunque essere affrontato in termini di prospettiva».

 

(Claudio Perlini)


© Riproduzione Riservata.