BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LAVORO/ Il “patto” imprese-sindacati che ha battuto il governo

Infophoto Infophoto

Le Parti sociali non ci cascano e, prima del Governo, si accorgono che alle condizioni attuali l’intervento sul cosiddetto salario di produttività è l’unico escamotage vero, effettivo subito, oltre gli slogan, per abbassare il costo del lavoro. La stretta sui fondi viene aspramente criticata e sia i sindacati che le associazioni datoriali richiedono al ministero del Lavoro nuovi fondi. Il Ministro capisce l’esigenza di fondo, ma prova a mettere sul tavolo soluzioni alternative, non proprio chiare e di dubbia realizzazione: allineare la curva dei salari a quella della produttività pagando meno i lavoratori anziani, premiare le imprese che compilino il “bilancio del capitale umano”, costruire nuovi incentivi all’occupazione, ecc.

Ancora una volta le Parti sociali annusano la fregatura e, siamo all’oggi, convincono il Governo a un deciso cambio di rotta, testimoniato dalla norma sulla detassazione di produttività contenuta nella Legge di stabilità dell’altro giorno. Merito del Consiglio dei Ministri è certamente avere capito che se tale soluzione è chiesta da tutti, indipendentemente dalle dietrologie, qualche merito deve averlo. Il 9 ottobre sono quindi stati destinati 1,6 miliardi alla detassazione per gli anni 2013-2014, a disposizione dell’accordo che sarà raggiunto dalle Parti sociali.

Questa è la prossima puntata della lunga saga. Imprese e sindacati riusciranno a chiudere a breve l’accordo sulla produttività al quale lavorano ormai da più di un mese? Non si intravedono ancora bozze avanzate di accordo. Lo Stato ha fatto la sua parte, come richiestogli. Ora tocca alle relazioni industriali concordare soluzioni che certo siano orientate al maggiore netto in busta paga del lavoratore e all’abbassamento del costo del lavoro. Ma che non dimentichino quanto sia importante aumentare davvero la produttività per riattivare crescita e, quindi, occupazione.

Twitter@EMassagli

© Riproduzione Riservata.